La Rinascita: un concerto a Napoli, la musica sta tornando Il 20 luglio 2020, a Napoli, presso il complesso San Domenico Maggiore, si terrà il concerto della rinascita

_21secolo_TeresaGiordano

Il 20 luglio 2020, presso piazza san Gaetano 1, l’associazione culturale Noi per Napoli presenterà il concerto della rinascita.

Nel capoluogo partenopeo, fervono i preparativi per quel che sarà un evento musicale a dir poco eccezionale.

L’evento

La sera del 20 luglio 2020, prenderà il via un magnifico concerto lirico, pensato nei minimi particolari, metaforicamente chiamato il concerto della rinascita.

Tale denominazione non sta solo ad indicare una banale ripresa avviatasi dopo la micidiale pandemia, ma un vero e proprio rientro in scena dei musicisti che, finalmente, torneranno ad allietarci dal vivo.

Presso lo splendido complesso di san Domenico Maggiore, alle ore 19:30,  inizierà uno spettacolo di musica lirica.

Tra coloro che parteciperanno all’avvenimento, tanti grandi artisti lirici, di norma operanti all’interno del teatro San Carlo.

A salire sul palco, vi saranno anche i membri della gloriosa Fanfara del decimo reggimento di Napoli.

Il concerto verrà replicato varie volte, tra il mese di luglio e quello di settembre.

Il tutto avverrà rispettando, ovviamente, le norme di sicurezza imposte dalla sicurezza e dalla sanità.

Cos’è la Fanfara?

Istituita nel giugno del 1862, la Fanfara del decimo reggimento carabinieri Campania, col fine di incrementare il corpo dei carabinieri al servizio dei reali.

Inizialmente costituita solo da trombettieri, oggigiorno la Fanfara è una banda musicale composta da 30 esecutori e diretta da un Maresciallo, Luca Berardo.

Il complesso, oltre ad esibirsi nelle classiche marce militari e durante  l’esecuzione dell’inno, partecipa anche a concerti classici e moderni.

Il progetto

L’ associazione culturale Noi per Napoli è una comunità che si batte per la risoluzione di problematiche sociali rivelanti e fornisce il suo contributo, per valorizzare il patrimonio artistico-culturale della città di Partenope.

Non poteva, quindi, mancare il suo contributo per una ripartenza della metropoli, straziata dal Covid-19. Da qui, la decisione di allestire tale spettacolo, coinvolgendo anche il corpo musicale dell’Arma dei carabinieri.

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

more recommended stories