domenica 21 Aprile, 2024
8.9 C
Napoli
spot_img

Articoli Recenti

spot_img

Geolier: l’incontro con gli studenti e le polemiche di Gratteri

Il celebre rapper Geolier è stato ospitato nell’aula Magna dell’Università Federico II, nella sede di Scampia. L’incontro con gli studenti, nonostante fosse molto atteso dagli studenti dell’ateneo, ha scatenato qualche polemica. Nelle ultime ore fanno eco le parole del Procuratore Nicola Gratteri.

Queste cose lasciano senza parole, se molla l’università siamo alla fine. Non voglio neanche sapere chi è il cantante. se si arriva a questo si deve mettere in discussione anche chi ha organizzato e cosa è diventato il percorso universitario, se non si ha la sensibilità che si devono portare all’università solo eccellenze, modelli di vita per la formazione dei ragazzi, anche analfabeti che si sono affermati nella vita come modello positivo partendo da zero, da sotto zero. Queste cose non devono passare come acqua fresca, nei modi dovuti si deve contestare e protestare, non dobbiamo assuefarci a questo imbarbarimento, non si deve accettare cultura a basso costo, l’università è un luogo di luogo di formazione e di raffinatezza culturale e formativa. Non svendiamoci più di quanto ci siamo svenduti“.

Parole dure quelle di Nicola Gratteri, al quale ha risposto il Rettore della Federico II, Matteo Lorito. “Non credo che il problema dell’università sia invitare un giovane artista, venuto – appunto, come affermato dal Capo procuratore – dal nulla e affermatosi tra i più giovani e nel mercato discografico, per dargli l’opportunità di un confronto con gli studenti”.

Quella del Procuratore Gratteri non è una accusa contro l’artista napoletano, Geolier, anche se è stata interpretata come tale. Il discorso in realtà è più ampio e complesso e leggendo bene e attentamente le parole del Procuratore si possono comprendere in modo chiaro. L’università è un luogo di cultura, la musica potrebbe essere concepita come tale, ma è importante non svilire quella che è l’identità storica della Federico II.

Il problema è far credere ai ragazzi che i modelli da seguire siano gli influencer o le persone di successo. In questo caso, il successo lo si può ottenere studiando e sacrificandosi per ottenere dei risultati.

Non è tutto facile come sembra. Come qualcuno vuole far sembrare. Geolier è stato invitato dal Rettore dell’Università napoletana, ma ciò non ha fermato le critiche.

Geolier ha incontrato i ragazzi della sede di Scampia, tutti super contenti di averlo visto dal vivo, ma di fatto si è realizzata quella che può essere considerata una  “desacralizzare di un’istituzione” come l’università trattando la cultura come qualcosa che non conta più.

Al di là di ogni polemica, l’artista napoletano non ha risposto al procuratore. Ha conversato con i ragazzi presenti, ha parlato di sè, risposto a diverse domande. Ricordiamo che l’evento era a numero chiuso ed è subito andato sold-out.