Eduardo su RAI 5 in occasione dei 120 anni dalla nascita I grandi spettacoli di Eduardo De Filippo saranno, da oggi, in onda il sabato su RAI 5

eduardo

I grandi spettacoli di Eduardo De Filippo saranno, da oggi, in onda il sabato su Rai 5.

Da maggio a novembre verranno trasmessi tutti gli spettacoli di Eduardo De Filippo realizzati dalla RAI.

In occasione dei 120 anni dalla sua nascita, la RAI dedica, infatti, un lungo appuntamento alla grande arte del regista-attore napoletano.

Nato a Napoli il 24 maggio del 1900, è considerato uno dei più importanti artisti italiani del Novecento. È stato autore di numerose opere teatrali da lui stesso messe in scena e interpretate e, in seguito, tradotte e rappresentate da altri anche all’estero.

Su Rai 5 tutti i sabati alle 17.00, dal 23 maggio e fino a tutto novembre 2020, verranno trasmesse tutte le versioni televisive degli spettacoli del grande artista napoletano realizzate dalla RAI, in ordine cronologico di composizione.

Il primo appuntamento è stato oggi, con la commedia comica “Uomo e galantuomo” che Eduardo scrisse nel 1922; proposta nella versione televisiva realizzata nel 1975, la commedia vede in scena lo stesso Eduardo, Luca De Filippo, Isa Danieli, Angelica Ippolito, Nunzia Fumo. Si tratta di una commedia in tre atti inserita da Eduardo nel famoso gruppo di opere dal titolo “Cantata dei giorni pari”.

Nelle settimane successive, l’omaggio proseguirà con titoli entrati nella storia del teatro come “Natale in casa Cupiello”, “Filomena Marturano”, “Napoli milionaria, “Il sindaco del rione Sanità”, “Questi fantasmi”.

Solamente nel corso di questa settimana, nel pomeriggio di Rai5 l’omaggio è completato da un ciclo di 5 commedie di Eduardo Scarpetta, padre naturale di De Filippo, nelle versioni dirette e interpretate da Eduardo e Luca De Filippo.

Eduardo De Filippo era il secondogenito, dopo Titina e prima di Peppino, del grande attore e regista Eduardo Scarpetta e di Luisa De Filippo, sua nipote, figlia del cognato. I tre presero perciò il cognome della madre. Cominciarono anche ben presto a lavorare in teatro col padre e i suoi altri fratelli.

Print Friendly, PDF & Email

more recommended stories