“Mani in pasta”, la tradizione emiliana per il sociale

Pasta fresca, catering, laboratorio e caffetteria, un luogo di condivisione e degustazione di prodotti tipici emiliani. Il progetto “Mani in pasta” è rivolto a tutto il territorio, coinvolgendo fino ad oggi oltre 45 donne, donando loro un'opportunità di riscatto sociale per donne sole.

Il progetto “Mani in pasta”, nasce dalla cooperativa sociale Madre Teresa di Reggio Emilia, ed è un progetto di rivalutazione sociale.

Nasce in Emilia, terra dalla grande tradizione gastronomica ponendosi un obiettivo nobile, donare alle donne e ai loro figli dignità e una nuova opportunità di inserimento nella società e nel mondo lavorativo.

La cooperativa gode del sovvenzionamento da parte di enti pubblici, ma anche da privati, che ha permesso la creazione di un laboratorio.

Luogo di formazione ed esercizio, il laboratorio accoglierà le nuove giovani professioniste aiutandole nell’arduo percorso di formazione ed avviamento di una professione vera e propria.

Alle donne, molte delle quali vengono indirizzate e seguite dai Servizi Sociali, viene infatti offerto in primis un tirocinio formativo retribuito, il quale viene poi affiancato da un’attività di orientamento ed inserimento mirato nel mondo del lavoro, al fine di dare seguito a quanto appreso durante il soggiorno presso la cooperativa.

La formazione dura per un intervallo di tempo compreso tra i 3 e i 9 mesi, molte donne diventano però socie della cooperativa, aiutando l’accrescimento della risonanza del progetto.

Punto di forza del progetto è l’organizzazione molto flessibile delle attività laboratoriali.

Il laboratorio è infatti organizzato in modo da poter rispettare le esigenze delle donne coinvolte, in generale, e delle mamme, in particolare. Grazie ad orari flessibili e spazi accessibili, le donne sono in grado di equilibrare la vita familiare e quella lavorativa. 

La proposta gastronomica del progetto riguarda le ricette della tradizione, a partire dalla pasta fresca, che viene preparata rigorosamente a mano dalle partecipanti.

Gli ingredienti utilizzati sono prevalentemente biologici e a chilometro zero.

Forte è anche la proposta di preparazioni dolci.
Le donne della cooperativa sono fortemente attente alla domanda di prodotti speciali, per tutte quelle persone che presentano intolleranti al glutine e celiaci, per le quali le donne del laboratorio hanno elaborato anche una linea di prodotti gluten free.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO