4shared
10.8 C
Napoli
mercoledì, 24 Febbraio 2021

Il 2020 ha segnato l’inizio della fine della globalizzazione?

Da non perdere

La globalizzazione è stata spesso descritta come una forza inevitabile e in accelerazione. In realtà il commercio internazionale non è cresciuto così rapidamente come lo era prima della crisi finanziaria del 2007-2008. Sebbene la crisi finanziaria abbia causato gran parte del danno, il COVID-19 si è accumulato per offuscare ulteriormente il ritmo futuro della globalizzazione. Questa combinazione potrebbe indurre gli investitori a chiedersi se il 2020 sia stato l’inizio della fine della globalizzazione.

L’anno 2020 ha segnato l’inizio della fine della globalizzazione?

A prescindere dal COVID-19, il 2020 è stato uno strano anno di scambi commerciali. La Cina e gli Stati Uniti hanno iniziato l’anno firmando un accordo commerciale dopo aver trascorso due anni in una disputa commerciale. L’accordo è stato fondamentalmente un ritorno alla situazione prima della lotta commerciale, con i passi futuri da risolvere nei negoziati successivi. Allora la Cina era un membro centrale del Regional Comprehensive Economic Partnership (RCEP) che semplificava il commercio in Asia. Questo accordo fu significativo in quanto gli Stati Uniti non furono affatto coinvolti. Per concludere l’anno libero, abbiamo concluso un accordo dell’ultimo minuto tra il Regno Unito e l’Unione Europea. sulle relazioni post-Brexit, e ha tenuto il Regno Unito a molti degli standard europei che sono stati indicati come una ragione per la Brexit in primo luogo. Nel complesso, sembra proprio che lo slancio per un commercio globale più libero si sia fermato.

Per molte aziende, il COVID-19 è stato un “maestro” di lezioni per molte aziende in un solo anno. Una delle lezioni più dolorose è stata che le catene di approvvigionamento globali non sono così resistenti come pensavamo. Dagli anni ’90 fino alla crisi finanziaria, una delle mosse principali nel playbook del CEO è stata l’aumento della produzione nelle regioni a basso costo e la spedizione dei componenti o del prodotto finito più economici al mercato finale. Questo outsourcing ha svuotato gran parte della produzione di base negli Stati Uniti e in altre nazioni a costi relativamente elevati, ma ha fatto risparmiare denaro ai consumatori e ha aggiunto alla linea di fondo per le aziende. I consumatori, da parte loro, sembravano soddisfatti del compromesso. Avevamo vestiti, mobili, gadget e così via meno costosi. Tuttavia, quando la pandemia colpì, le nazioni ricche scoprirono di non produrre più dispositivi di protezione individuale di base. Poiché la spedizione e la libera circolazione delle merci sono state influenzate dai blocchi, i componenti critici per tutti i tipi di attività sono stati bloccati e le catene di approvvigionamento a livello mondiale si sono disgregate. Questa realtà ha contribuito ad amplificare un sentimento esistente già presente in molte nazioni intorno alla produzione di più cose che consumavano.

Prima della pandemia, gli Stati Uniti stavano già abbracciando una politica di acquisto americano, assunzione di americani, raccogliendo lotte commerciali e tirando fuori accordi di libero scambio. Questo tipo di nazionalismo economico potrebbe essere amplificato dalle debolezze che COVID-19 ha esposto nelle catene di approvvigionamento globali.

Ultimi articoli