Conservatorio San Pietro a Majella: la musica in streaming Mai come in questo periodo così delicato, adattarsi alle nuove leggi in vigore, che ricordiamo vedono teatri e cinema, ma anche edifici culturali e musei chiusi, è notevolmente importante non mollare la presa e soprattutto non fermare la cultura.

Nonostante la Campania sia zona rossa, gli eventi della regione non si fermano e la cultura va avanti. Proprio a tal proposito, il famoso e suggestivo Conservatorio di San Pietro a Majella di Napoli, non sospende la stagione di concerti in programma, proponendoli in streaming.

Conservatorio San Pietro a Majella: “Chi ci ferma!”

Mai come in questo periodo così delicato, adattarsi alle nuove leggi in vigore, che ricordiamo vedono teatri e cinema, ma anche edifici culturali e musei chiusi, è notevolmente importante non mollare la presa e soprattutto non fermare la cultura.

I concerti gratuiti del Conservatorio di San Pietro a Majella ci saranno anche quest’anno, dal 20 novembre al 5 febbraio 2021. Ovviamente ‘andranno in onda’ tramite la piattaforma streaming e non si svolgeranno nel consueto Auditorium Scarlatti, cui tutti erano abituati.

L’appuntamento sarà sempre di venerdì alle ore 18. Durante lo streaming, visionabile sia su Facebook che su Youtube (iscrivendosi ai due portali ufficiali) si potrà assistere alle magistrali esecuzioni dal vivo, eseguite dagli allievi del celebre Conservatorio.

Un’occasione unica, da non perdere, che darà sinfonia ad un momento così terribilmente delicato, donando tante note di cultura.

Chi ci ferma!”: la cultura attraverso la musica

La rassegna si chiama ‘Chi ci ferma!’ e vedrà alternarsi diverse esibizioni concordate dagli allievi con i propri professori.

Il prossimo appuntamento, venerdì 20 novembre, alle ore 18 – vedrà protagonista Alessandro Schiano Moriello, che omaggerà  Ludwing van Beethoven eseguendo la Sonata numero 11 in Si bemolle maggiore, op. 22 e si proseguirà poi con le pagine di Goffredo Petrassi e Franz Liszt.

Seguiranno ovviamente altre esibizioni che terranno compagnia ed allieteranno il cuore degli appassionati.

Sono tanti coloro che amano la musica e tutto ciò che ad essa si collega, ecco perché la rassegna è stata fortemente voluta dal direttore del Conservatorio Carmine Santaniello.

L’intento é quello di provare a ricreare la consuetudine che vede protagonista indiscusso l’Auditorium Scarlatti, sempre affollato con quanti giungono ad assistere agli spettacoli musicali.

Chi ci ferma! È un vero e proprio motto che accompagna la volontà e il forte impegno utili per organizzare un’attività di streaming che farà compagnia durante i prossimi appuntamenti.

Lo streaming ovviamente non può sostituire la musica dal vivo, ma sarà un’opportunità per entrare nelle mura della più antica istituzione musicale del mondo e conoscere il valore delle sue eccellenze”. È quanto ha dichiarato il direttore del conservatorio, Carmine Santaniello.

Ricordiamo che il conservatorio di San Pietro a Majella é simbolo di una storia che non si ferma. Esso é ubicato nel centro storico di Napoli  rappresenta l’identità musicale della città. 

Print Friendly, PDF & Email

more recommended stories