domenica 14 Aprile, 2024
16.8 C
Napoli
spot_img

Articoli Recenti

spot_img

Bernadette de Lourdes, il musical arriva in Italia

Il debutto del musical che racconterà la storia di Bernadette sarà il 16 gennaio 2025 all’Auditorium della Conciliazione di Roma, ma sarà seguito da svariate tappe tra cui Bari, Napoli, Milano e Firenze: i biglietti sono già in vendita. Lo spettacolo è stato prodotto da Roberto Ciurleo ed Elenoire De Galard che hanno già sovvenzionato show come Tre moschettieri, Saturday Night Fever e Robin Hood; invece il libretto e la regia sono di Serge Denoncourt. Il musical arriva in Italia grazie alla produttrice Fatima Lucarini: l’adattamento è stato curato da Vincenzo Incenzo e Gaia Di Fusco. Grande il successo riscosso in Francia con più di 200mila spettatori di questo che si presenta come un vero e proprio spettacolo-inchiesta che si basa su documenti autentici. L’idea della rappresentazione è nata nel 2010, durante un pellegrinaggio improvvisato a Lourdes a cui presero parte Roberto Ciurleo ed Éléonore de Galard, seguiti dalla troupe di Robin Hood. De Galard ha spiegato che mettere in scena Bernadette de Lourdes p stato come “realizzare per la prima volta uno spettacolo”. La troupe ha infatti deciso di allestire una sala di quasi 1500 posti solo a Lourdes per 6 mesi.

Nel cast del musical c’è David Ban che anche nella versione originale interpreta il padre di Bernadette, mentre Chiara Lupi si calerà nei panni della madre; inoltre, ci sarà Fabrizio Voghera come l’Abate Peyramale e Christian Ruiz come lo scettico Commissario Jacomet. I produttori hanno raccontato che per realizzare lo spettacolo ci sono voluti più di 10 anni. “Ora sta girando in Francia, Polonia e andrà a Broadway” hanno inoltre rivelato.

Il regista, Serge Denoncourt, all’inizio non era molto convinto dello spettacolo: “Quando mi hanno chiamato, ho risposto subito ‘no’, non mi interessa Lourdes, né Bernadette, né il progetto. Poi mi hanno portato lì, ho toccato la grotta, ho visto la stanza. E niente. Quindi siamo andati negli archivi e ho visto il quaderno del commissario Jacomet. Quello era il mio ‘segno’: lui non credeva che Bernadette avesse visto davvero la Madonna e dai suoi appunti è nato il libretto del musical”.

Immagine: credit Ansa