Torna ‘Divergenti’, il festival italiano del cinema trans Ritorna dopo due anni di assenza 'Divergenti', l'unico festival italiano dedicato interamente all'identità di genere

Dopo due anni di assenza, proprio quest’anno, nonostante le difficoltà causate dalla pandemia di Covid-19, torna ‘Divergenti’, il festival del cinema italiano dedicato all’identità di genere.

Si tratta della decima edizione del festival ideato dall’associazione M.I.T., movimento-identità-trans, attiva in Italia dal 1994 per la tutela dei diritti, della dignità e del benessere delle persone trans.

Il festival tornerà dal 26 al 28 novembre a Bologna. Considerate le nuove misure di emergenza di contenimento della pandemia, il festival si è però adattato ai tempi, spostandosi completamente online. Si può seguire su docasa.it, la piattaforma dell’associazione Der-documentaristi dell’Emilia Romagna, ed è gratuito.

Questo evento ha come ‘madrina virtuale’ l’attrice italiana Silvia Calderoni, che ha mandato i suoi saluti sulla pagina facebook dedicata al festival, Divergentiff. Il suo video aprirà la manifestazione insieme con i saluti degli altri due testimonial, Antonello Dose, voce del ‘Ruggito del Coniglio’ su Radio 2, e l’Avv. Gianmarco Negri, primo sindaco trans italiano del paese di Tromello, in provincia di Pavia.

La direzione artistica, per quest’anno, è stata affidata a Nicole De Leo e Porpora Marcasciano. Il tema è migrazioni trans, inteso come spostamento e ricerca di luoghi meno ostili, esodo per sfuggire a fame, guerre e soprattutto pregiudizi transfobici” , dichiara la direttrice artistica Marcasciano nel suo libro, “Favolose Narranti“.

Continua: “perché noi trans siamo migranti in tutti i sensi, migranti di genere e in genere, verso un corpo più nostro, verso un paese più familiare, verso una terra meno ostile“.

Film in concorso ed esclusive del festival

Il festival  propone una selezione della migliore produzione cinematografica a tematica trans. Quest’anno in concorso undici film, tra cui otto documentari e tre opere di finzione. In programma, inoltre, due proiezioni evento, un convegno, un seminario ed una sezione speciale dedicata soltanto ai Vlog.

In anteprima, in occasione dell’evento, il film dello spagnolo Luca Gaetano Pira, “I tanti triangoli rosa”, che racconta la storia di alcune persone a lui vicine, appartenenti alla comunità LGBTQA+, cha hanno subito persecuzioni sotto i regimi in Spagna, Uruguay, Cile e Argentina.

Torna ‘Divergenti’ e regala al pubblico l’anteprima di “Amaranto” di Noemi Mariluongo che racconta dell’emergenza Covid nella comunità delle sex workers trans di Bologna.

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Mi sono laureata in filosofia e sto per terminare il percorso magistrale, inoltre studio canto da molti anni. Scrivo per confrontarmi col mondo senza ipocrisie e per riflettere sul rapporto irriducibile che ci lega ad esso.

more recommended stories