4shared
8.3 C
Napoli
lunedì, 29 Novembre 2021

Napoli, occhio Spalletti: il Verona è una chance da non sprecare

Strapazzato il Legia Varsavia in Europa League, il Napoli si tuffa nuovamente nelle acque italiane per affrontare l'Hellas Verona di Tudor, l'incubo peggiore dei partenopei

Da non perdere

L’astuzia è una peculiarità affascinante, una spiccata attitudine a volgere a proprio vantaggio delle situazioni, le quali, potrebbero rivelarsi favorevoli. Non è semplice sfruttarle, ma il Napoli ha il dovere di provarci e di non fallire una ghiotta possibilità per il coronamento di un sogno inumato. È necessario essere scaltri ed ottenere tre punti ricoperti da una patina dorata, scacciando, così, i terrificanti fantasmi del passato che ossessionano gli azzurri già da qualche mese.

In programma, i partenopei, infatti, dovranno affrontare il loro incubo peggiore, il turbamento più temibile dal mese di maggio, quando il sogno della qualificazione alla Champions svanì dissolvendosi sul terreno di gioco del Maradona. L’1-1 raggiunto con l’Hellas Verona fu un boccone troppo amaro da digerire, la rabbia e l’amarezza si diffusero repentinamente tra il popolo napoletano. La sinfonia intonata oggi, però, sembra essere differente, Spalletti, condottiero del Napoli, tenterà di guidare la squadra verso il successo e distruggere definitivamente gli agghiaccianti scheletri immobili nell’armadio.

Napoli-Hellas Verona, vincere è l’unico risultato possibile: Spalletti è avvisato

Dopo lo spumeggiante successo ottenuto in Europa League con il Legia Varsavia e l’aggancio della vetta del girone, il Napoli si fionda nuovamente in campionato per la sfida con il Verona. La corazzata azzurra andrà a caccia dell’undicesima vittoria stagionale per proseguire la propria cavalcata vincente e puntare un’impresa storica. Gli azzurri, inoltre, avranno la chance di “allungare” sul Milan, se quest’ultimo dovesse pareggiare o perdere il derby della Madonnina con i rivali dell’Inter.

Affrontare attualmente gli scaligeri, non è un compito così agevole, soprattutto per il loro splendido periodo di forma. Dall’esonero di Esubeio Di Francesco e quindi dall’approdo di Tudor, il volto e il gioco dei gialloblu è mutato completamente. Essi, infatti, hanno ottenuto una sequenza di risultati positivi straordinaria, agguantando il decimo posto e sorprendendo tutti i club italiani. Il Verona, addirittura, ha perso soltanto una delle ultime otto sfide di Serie A, macinando punti e confermandosi come un’implacabile macchina da gol.

Nonostante queste statistiche impressioni, Spalletti tenterà di far emergere la qualità del Napoli, caratteristica la quale potrebbe fare la differenza e consentire agli azzurri di trionfare. Anche se i dubbi di formazione, che attanagliano il tecnico toscano, sono tanti. L’allenatore toscano si affiderà sicuramente all’esperienza e alla bravura Ospina per la porta, in particolar modo per l’assenza pesante di Koulibaly, leader difensivo degli azzurri. Rrahmani è Juan Jesus, infatti, saranno i due centrali della retroguardia, poiché Manolas non è ancora al massimo della condizione; Di Lorenzo e Mario Rui saranno situati sulle corsie.

A centrocampo, Fabian e lo stakanovista Anguissa saranno i perni fondamentali del gioco spallettiano e veicoleranno la difesa con l’attacco. Il reparto offensivo, invece, sarà composto da Politano, Zielinski ed Insigne, recuperato dall’infortunio di qualche giorno fa. Nel ruolo di centravanti, il favorito resta Victor Osimhen, punta di diamante del Napoli, anche se la sua presenza resterà incerta sino alla diramazione della formazione ufficiale.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli