Andrea Bocelli in concerto per l’ospedale di Camerino Alla raccolta fondi hanno preso parte anche Fedez e Chiara Ferragni

Non si ferma la musica italiana, ma si fa promotrice del sostegno agli ospedali impegnati nella lotta al Coronavirus. Ad esibirsi è il maestro Andrea Bocelli, il quale ha dato vita ad un concerto virtuale su Instagram, assieme a Chiara Ferragni e Fedez, il ricavato sarà devoluto all’Ospedale di Camerino, che in queste ore sta affrontando la piaga del Covid-19.

In un misto di emozione e commozione, Bocelli ha parlato dei motivi che l’hanno spinto a prendere parte a questa iniziativa, ed ha affermato: “Fare il bene è l’unico mestiere che ci rende degni d’essere qui. Ognuno secondo il proprio talento, secondo quello che è e che ha, puo’ fare sempre e comunque la differenza. Oggi più che mai, ascoltiamo la nostra coscienza, rimbocchiamoci le maniche e facciamo quello per cui siamo stati creati. Fare il bene del prossimo si può declinare in migliaia di modi ma resta, per tutti, il prioritario mestiere. Siamo fratelli, ma siamo anche colleghi”.

L’appello portato avanti da Bocelli è di essere uniti in un momento particolarmente difficile, di essere coesi e presenti per il bene dell’Italia e per tornare il prima possibile a stringerci in un sentito e caloroso abbraccio. A raccogliere la richiesta del cantante sono stati Chiara Ferragni e Fedez, che hanno impiegato i loro canali social a sostegno dell’iniziativa.

Il concerto virtuale ha visto la partecipazione di più di 170mila utenti, portando avanti la raccolta fondi sulla piattaforma GoFundMe.com.

Il fine ultimo dell’iniziativa è il raggiungimento di 100mila euro, che saranno destinati all’acquisto di strumenti indispensabili nella lotta al Coronavirus, come respiratori polmonari e mascherine. Al concerto ha preso parte anche Matteo Bocelli, figlio dell’artista Andrea Bocelli, che, oltre alla carriera da cantante, è impegnato come volontario di ABF.

Un concerto che ha saputo integrare al suo interno generi e stili differenti, dal pop al rap e che si è fatto portatore di un messaggio chiaro, ovvero che le distanze fisiche non possono superare il desiderio di essere uniti e che, in un momento di grande difficoltà, è ancora più importante sostenersi reciprocamente.

Print Friendly, PDF & Email

more recommended stories