Vivere un borgo significa amarlo!

La cultura è un bene comune primario come l’acqua; i teatri le biblioteche i cinema sono come tanti acquedotti, citazione di Claudio Abbado. Il Borgo di Limatola sarà ricco di eventi culturali e di aggregazione sociale. Tante le iniziative in campo e per chi non lo avesse ancora visto, si consiglia di cominciare a progettare un tour in questo antichissimo borgo medievale!

borgo-medievale-di-limatola

In un momento storico particolare, in cui siamo ancora in lotta contro visioni retrograde, bigotte e maliziose, c’è chi invece s’impegna per cambiare nel profondo questa società, cercando costantemente e tenacemente di mettere in risalto i valori di solidarietà, coesione sociale e collaborazione. Uno di questi uomini è Massimiliano Marotta, Assessore  per i beni e le attività culturali del Comune di Limatola, che da anni s’impegna per donare al suo paese decoro architettonico e sociale. Un compito molto difficile se pensiamo a quante persone sono restie ancora oggi al cambiamento culturale, ad evolversi e ad aprirsi al moderno e ad una realtà non più microcosmica ma macrocosmica, essendo noi cittadini Europei e non più soltanto Italiani. Dopo aver creato infatti realtà di aggregazione per anziani, che li mette in condizioni di condivisione e svago con i loro coetanei e non li abbandona al loro destino di solitudine e scoraggiamento; dopo essersi impegnato per dare agli studenti limatolesi la possibilità di formarsi professionalmente nel loro stesso paese e non essere costretti a spostarsi, ora l’appassionato assessore si vede impegnato in cortometraggi e progetti culturali come il Touring Club Italiano, che ha visto come ospite Alfredo Fierro, Console Provinciale di Benevento e che ha dato il via al progetto Aperti per Voi in Campania, che vede aperta al pubblico l’antichissima Chiesa di Ognissanti a Limatola. Progetti che non hanno solo lo scopo di mostrare ai turisti realtà a loro sconosciute ma che vogliono avere un carattere profondamente umano.

Uno dei valori che mi ha trasmesso maggiormente la conoscenza dell’assessore Massimiliano Marotta è la sua semplicità che nasconde un profondo interesse verso il mondo dei più deboli, verso la cultura e il paesaggio naturale.  Nutro profonda ammirazione per chi si interessa ai beni “immateriali” di questo mondo come la cultura, l’arte, la solidarietà, il rispetto verso le diversità e i più deboli. Uno degli aspetti che manca oggigiorno è inoltre la coesione sociale che viene sostituita e sottomessa all’individualismo. Attraverso quindi progetti di condivisione e di sensibilizzazione dei cittadini verso delle realtà particolari, come quelle dei minori, spesso orfani o vittime di violenze psicologiche, si cerca di avvicinare gli individui tra loro e di creare tra loro sentimenti di amore e di rispetto reciproco.

Una recente ricerca condotta da molti geologi ha dimostrato come alcuni esseri viventi che cooperano e non competono tra di loro hanno più chance di successo nella lotta per la sopravvivenza e nell’evoluzione delle specie: ci stiamo riferendo alle Termiti o Isotteri, un ordine di insetti terrestri che, lavorando insieme, dividendosi i compiti senza uccidersi l’uno con l’altro, cooperando e aiutandosi a vicenda,costruiscono gallerie, fabbricano coperture, allevano la prole e partecipano alla difesa della comunità; per tale ragioni sono chiamate “operaie”.

L’ intento di aggregare nel miglior modo possibile e di condividere sentimenti ed idee è quello che vede come protagonista questo bellissimo borgo del beneventano e noi ci auguriamo che avvenga un miglioramento sempre più forte di questi bellissimi luoghi campani!

“La cultura è l’unico bene dell’umanità che, diviso fra tutti, anziché diminuire diventa più grande” – Hans Georg Gadamer.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO