1

Palazzo Melzi d’Eril, terminata ristrutturazione

La Fondazione Cariplo ha ultimato gli interventi di restauro di Palazzo Melzi d’Eril, sede della stessa, rendendosi esempio di un vasto progetto di restauro, il quale pone la cultura al centro dell’attenzione. La cultura diviene così l’unico strumento di inclusione sociale finalizzato allo sviluppo economico.
Nell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale, la Fondazione Cariplo si impone con le proprie attività pienamente dedicate alla cultura.

La Fondazione ha attuato un investimento pari a circa un miliardo di euro, al fine di realizzare l’ammontare di 10 mila progetti, tutti attuati per il settore Arte e Cultura.

Palazzo Melzi d’Eril sarà visitabile dal pubblico secondo uno specifico calendario. Saranno organizzate diverse visite durante l’anno.

“Il Palazzo è il cuore delle nostra attività e oggi ha un allestimento funzionale che raccoglie il nostro modo di operare ma è anche un raccoglitore di tesori come alcuni dipinti preziosi che noi rivediamo oggi dopo circa due anni di lavori. Questi quadri sono la parte più importante del nostro patrimonio artistico e vengono in parte esposti qui, altri nelle Gallerie d’Italia in Piazza della Scala”, Per noi la cultura è la chiave importantissima di innovazione e costruzione di una comunità è un modo diverso di vedere la realtà, un momento di crescita all’interno della collettività. Noi quindi lavoriamo da sempre su due binari: la tradizione da un lato e dall’altro l’innovazione con progetti nelle scuole, imprese culturali o trasformando la cultura in un momento di aggregazione in zone della città più difficili come le periferie. Queste sono alcune delle attività svolte da Fondazione Cariplo” ha affermato il direttore generale della Fondazione Cariplo, Sergio Urbani.

La Fondazione Cariplo si è concentrata dal 1991 sul sostanziale finanziamento per progetti di ambito culturale.

“La maggior parte dei nostri quadri dell’800 Lombardo è conservata all’interno delle Gallerie d’Italia, a Palazzo Melzi d’Eril abbiamo una selezione dei dipinti principali. Recentemente la Fondazione ha deciso di portare sul territorio le proprie opere, circa un migliaio, più belle e meritevoli di essere esposte al pubblico. Abbiamo quindi deciso di organizzare iniziative territoriali presso le varie fondazioni comunitarie. Alcune di queste giornate le abbiamo già organizzate a Lecco, Lodi e Mantova con una grandissima affluenza di pubblico. Il primo settembre proseguiremo organizzando una giornata a Bergamo per poi continuare con un’esposizione alla Villa Reale di Monza e successivamente a Varese. Iniziative che registrano sempre una grandissima partecipazione. Il nostro obiettivo è quello di consentire alle popolazioni delle province di avere una conoscenza diretta del nostro patrimonio artistico” in base a quanto affermato da Renato Ravasio, amministratore unico della Fondazione Cariplo.