21.6 C
Napoli
giovedì, 26 Maggio 2022

Nascondono il cadavere di un uomo e lo portano alle poste per incassare la pensione

E' la storia di Paedar Doyle. Il corpo dell'uomo è stato portato da due malviventi all'ufficio postale della contea di Carlow, in Irlanda, per riscuoterne la pensione. Una storia che ricorda la trama del film "Weekend con il morto", qui però non c'è nessun lieto fine.

Da non perdere

In una storia che ricorda tanto la celebre pellicola “Weekend con il morto” del 1989 fantasia e realtà si intrecciano perfettamente. Nel film, Larry Wilson e Richard Parker si spostano alle poste con il morto, Bernie Lomax, per una serie di eventi legati a truffe e polizze vita.

L’incredibile storia di Peadar Doyle, il cui cadavere è stato portato alle poste

Questa fantasiosa, e a tratti irriverente storia, trova riscontro in ciò che è accaduto in Irlanda, nello specifico nella contea di Carlow; dove si è verificato un episodio che ricorda gli eventi mostrati nel film.

Infatti, due truffatori hanno portato con sé il corpo di Peadar Doyle, un uomo di 66 anni, all’ufficio postale per incassarne la pensione.

Proprio come nel lavoro cinematografico di Ted Kotcheff, hanno cercato di nascondere il corpo con un cappello e un pullover particolarmente grande.

Chiaramente, l’espediente messo in atto dai malviventi non ha avuto gli effetti sperati. Secondo il Daily Mail, lo staff della posta si sarebbe insospettito e un impiegato, preoccupato dalla situazione, si è avvicinato all’uomo; lasciato in un angolo remoto del ufficio, per capire se si sentisse bene.

In quel momento i due truffatori, presi dal panico, lanciato a terra il corpo di Doyle ed hanno simulato un infarto fulminante. Una situazione ai limiti della realtà, che mostra come la sete di denaro, spinga alcune persone a commettere atti terribili.

Questa versione, secondo la quale Peadar Doyle fosse vivo quando è entrato alle poste, è stata rilasciata anche agli agenti di polizia del comando locale. Questo, nonostante la sorpresa e l’incredulità dimostrata dagli stessi agenti e da tutte le persone che si trovavano sul posto.

Attualmente si attendono i risultati dell’autopsia. Stavolta, sfortunatamente, non si trattava di un film come nel caso della pellicola del 1989; questa volta, l’epilogo della storia di Doyle, è stato ben diverso.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli