Nasce il nuovo browser Android: addio Chrome

Google Chrome è, senz’altro, un browser Android innovativo e sempre pronto ad accogliere molteplici funzionalità interattive e di sicurezza. Con la nuova versione, ora in rilascio, risultano introdotte molte novità, ma nulla che consenta di snellire la piattaforma circa le componenti che rallentano il sistema. Gli svilupptori stanno sperimentando un nuovo browser, che promette velocità sensazionali, senza farsi mancare nulla. Le prestazioni salgono del 10%, con le pagine web che si aprono in un batter d’occhio.

In qualche modo, la notizia era sul web da un po’, ma senza effettive certezze. Al momento, il creatore ha rimosso l’applicazione dallo Store. Il motivo non è chiaro; si pensa che il problema sia dovuto ad una non perfetta compatibilità con le estensioni Chrome. Tornerà tra qualche giorno.
Con un tasso di performance del +10%, il nuovo sistema di navigazione, chiamato Kiwi, batte Chrome in velocità e performance. Ma soprattutto, non risulta essere esigente, in quanto richiede un consumo di CPU, RAM e batteria di gran lunga inferiore rispetto al precedente browser di ricerca.
Si promette non solo più velocità ma anche più sicurezza, grazie ad un ad-blocker nativo. Inoltre, dispone anche del tema scuro (dark mode), attivabile su richiesta di default.
Un sistema di ottimo livello, che spiazza la concorrenza Google, che pur ha previsto notevoli ottimizzazioni, con le ultime versioni del software per mobile e Desktop.
Gli utenti, in primis, riscontrano le evidenti differenze nel guadagno di tempo per l’apertura e la chiusura delle pagine Internet.
In più non c’è nulla da pagare. Difatti, l’App è gratuita, tramite il link ufficiale che accede alla pagina di download nel Play Store.
A breve la community sarà, ancora una volta, divisa: Chrome o Kiwi? Da un lato il colosso che da anni, ormai, conduce la navigazione web; dall’altro una new entry, pronta a rubare l’utenza. Spetterà ai clienti scegliere quale dei due preferire, valutando soprattutto una comoda esperienza d’uso.

Print Friendly, PDF & Email

more recommended stories