Mascherine in TNT contro l’emergenza Un'iniziativa di grande valore

Mascherina in TNT

LESS Cooperativa Sociale, Inclusione Alternativa e ARTUR, unite nel produrre mascherine in TNT contro la diffusione del Coronavirus.

Justina, Rachel, Zainab e Rhoda, migranti richiedenti asilo e rifugiate, provenienti dalla Nigeria e dalla Costa d’Avorio, insieme a Syll e Blessed, titolari di protezione internazionale, originari del Senegal e della Nigeria, hanno deciso di dedicare le loro competenze sartoriali alla produzione di mascherine in materiale TNT sterilizzato, da distribuire gratuitamente ad enti, associazioni e privati presenti sul territorio.

Un’iniziativa di grande valore sociale, portata avanti dai “più deboli per i più deboli”, che cerca di fornire un piccolo sostegno alla comunità in un periodo d’emergenza, alle prese con la carenza di materiale sanitario, l’aggravarsi di situazioni di disagio e marginalità e l’emergere di vulnerabilità tanto diverse tra loro quanto profonde.

Le sarte e i sarti protagonisti di questo progetto sono seguiti da LESS Cooperativa Sociale e dall’Associazione Inclusione Alternativa nel loro percorso d’inserimento ed inclusione sociale e professionale. Insieme all’Associazione ARTUR, che a Napoli favorisce idee e proposte volte a combattere il rischio di esclusione sociale ed emarginazione.

Un impegno che testimonia come la partecipazione unitaria e la condivisione di valori quali la solidarietà e l’integrazione possano costituire ponti sociali per una comunità più forte, inclusiva ed accogliente.

I ragazzi e le ragazze coinvolti hanno iniziato a produrre le prime mascherine con grande entusiasmo, fieri di poter essere utili a chi, come loro, risulta più fragile.

Un piccolo contributo, ma una grande testimonianza di altruismo ed appartenenza alla stessa comunità.

Print Friendly, PDF & Email

more recommended stories