7.6 C
Napoli
domenica, 29 Gennaio 2023

I maritozzi, origine e ricetta di questo dolce

A seconda della zona, i maritozzi vengono chiamati con appellativi diversi, ad esempio a Carbognano vengono chiamati “maritelli” e a Vetrella “panmariti”.

Da non perdere

I maritozzi sono dolci tipici laziali.

I maritozzi hanno un’origine molto antica. Infatti già all’epoca degli antichi romani esistevano degli antenati di questi maritozzi, ovvero panini morbidi farciti con miele e uvetta.

Per quanto concerne l’origine del nome di questo dolce, esistono diverse correnti di pensiero, fra le quali spicca quella secondo cui questi dolci contenenti un anello o un oggetto d’oro venivano regalati il primo venerdì di marzo dai fidanzati alle future spose, e da qui i fidanzati venivano chiamati dalle future spose “maritozzi”.

Pertanto i nomi di questi dolcetti fanno riferimento alla deformazione burlesca di “marito”.

A seconda della zona, i maritozzi vengono chiamati con appellativi diversi, ad esempio a Carbognano vengono chiamati “maritelli” e a Vetrella “panmariti”.

Oggi vi propongo la ricetta originale dei veri maritozzi laziali.

Ingredienti:

  • 800 g di farina
  • 1 cubetto di lievito di birra
  • 2 cucchiaini di miele
  • 240 ml di latte
  • 160 g di zucchero semolato
  • 160 ml di olio di semi
  • 2 uova
  • Sale q. b.
  • Buccia di un limone grattugiato
  • 60 g di uvetta

Ingredienti per la guarnizione:

  • 2 tuorli
  • Latte q. b.
  • 120 di zucchero
  • 60 ml di acqua
  • 600 ml di panna per dolci

Procedimento:

  1. Sciogliere il lievito di birra e il miele in un bicchiere di latte tiepido.
  2. In una ciotola a bordi alti inserire la farina e il lievito e il miele sciolti nel latte precedentemente, e mescolare tutti gli ingredienti con le mani.
  3. Aggiungere uova, zucchero, sale, buccia grattugiata di limone, olio e la restante parte del latte, e impastare il tutto in modo da ottenere un composto omogeneo.
  4. Inserire nell’impasto anche l’uvetta e amalgamare il tutto.
  5. Coprire il panetto con un canovaccio e farlo lievitare nel forno spento per 3 ore.
  6. Dividere l’impasto in piccole palline di forma ovale e disporli su una teglia rivestita precedentemente di carta forno. In questa fase vi consiglio di disporli ben distanziati fra loro in modo che in cottura non si attacchino fra loro.
  7. Lasciarli lievitare almeno 1 ora.
  8. Spennellare le palline d’impasto con un battuto di tuorli e latte.
  9. Infornare a 180˚C per 20 minuti finchè non saranno per dorati.
  10. In un pentolino a fiamma moderata, cuocere acqua e zucchero per pochi minuti, in modo da ottenere uno sciroppo, con cui spennellare i maritozzi dopo la cottura.
  11. Dopo averli fatti raffreddare circa per 1 ora, si possono tagliare nel senso della lunghezza e farcirli con la panna montata precedentemente.
image_pdfimage_print

Ultimi articoli