Il programma regionale prevede scelte ben più concrete Asl: individuare in presidi inagibili posti letto Covid significa essere scollegati dalla realtà. Fortunatamente il prevede scelte ben più concrete e realizzabili a breve periodo.

asl na1_21secolo_valentinamaisto
asl na1

Asl- Presunti errori e posti letto da recuperare.

Il programma regionale Asl- Ciro Verdoliva: individuare in presidi inagibili posti letto Covid significa essere scollegati dalla realtà. Fortunatamente il programma regionale prevede scelte ben più concrete e realizzabili a breve periodo.
In merito ad alcune dichiarazioni rispetto a presunti errori su posti letto che andrebbero riutilizzati, riportate oggi da alcuni organi di stampa, l’ASL Napoli 1 Centro rende noto che la visione espressa da chi parla è evidentemente priva dell’indispensabile conoscenza non solo della situazione attuale, ma anche dei tempi di risposta che questa emergenza richiede.
I presidi ospedalieri Ascalesi, San Gennaro, Incurabili e San Giovanni Bosco non sono impiegabili per offrire in tempi utili una risposta alle esigenze di salute dei cittadini minacciati dal virus. Sarebbe un errore pensare – allo stato del’attuale scenario – di eliminare l’assistenza per altre patologie alla luce della crisi Covid-19.

Ascalesi

In particolare, l’Ascalesi è una struttura inagibile per problemi strutturali, il San Gennaro ridotto nei decenni scorsi in condizioni tali che servirebbero anni per poterlo rendere utile alla crisi Covid-19 (e del resto è stato oggetto di indirizzi precisi e puntuali da parte dei Ministeri affiancanti per l’uscita dal Piano di rientro; consequenzialmente  è stato possibile riconvertire l’attività al servizio del territorio).

Ospedale Incurabili

Quanto agli Incurabili, il complesso  è in condizioni note a tutti e il fatto che si consideri disponibile anche questo presidio; (anche se parzialmente) denota un drammatico scollamento dalla realtà.

Per ciò che concerne il San Giovanni bosco, la scelta è quella di riunire nell’ospedale Loreto Mare il massimo sforzo in risposta all’emergenza Covid-19. (in soli 2 giorni si è svuotato interamente, in 7 giorni sono attivati 10 p.l. di terapia intensiva, in altri 7 giorni attivati 10 p.l. di degenza).

Entro 10 giorni attiveremo altri 30 p.l. di degenza e 20 p.l. di sub-intensiva). Così da non sacrificare le attività assistenziali che sono dedicate ad altre patologie e che pure meritano di trovare una risposta. Creare una commistione tra pazienti contagiati (dichiarati formalmente positivi al COVID-19) e non, aumenterebbe solo il rischio di favorire la diffusione del virus.

Le considerazioni espresse pertanto sembrano più adatte ad una sterile discussione accademica, priva tuttavia di una percezione. Seppur minima dei tempi brevissimi nei quali siamo chiamati a realizzare risposte concrete per i cittadini.

Print Friendly, PDF & Email

Appassionata di scrittura ha pubblicato vari racconti con diverse case editrici e da sempre sogna di diventare giornalista. Ma il suo sogno più grande è quello di poter pubblicare una sua antologia di racconti.

more recommended stories