lunedì 22 Luglio, 2024
26.8 C
Napoli

Articoli Recenti

spot_img

Il primo vaccino pediatrico sarà disponibile a maggio

La scienza continua a progredire in favore alla lotta contro il Covid19, letale agente patogeno che continua a sconvolgere il mondo intero. Sperando che il famigerato batterio diventi solo un brutto ricordo, i ricercatori proseguono nei loro tentativi di annichilirlo. Ecco la fantastica novità di oggi: le aziende farmaceutiche Moderna e Pfizer stanno lavorando alla progettazione di un vaccino pediatrico, ossia destinato a bambini al di sotto dei dodici anni.

Il vaccino pediatrico: tempi e ricerche

A comunicare la lieta notizia è stata l’immunologa dell’università di Padova, Antonella Viola.

La Pfizer, venerdì scorso, ha presentato alla FDA, la richiesta di approvazione per un vaccino. Trattasi del primo vaccino studiato e finalizzato all’immunizzazione dei giovanissimi. Probabilmente, la richiesta verrà accolta a breve, durante il mese di maggio.

Anche i dipendenti di Moderna, al momento, sono alle prese con la scoperta di un antidoto che possa far sì che i bambini, di età inferiore a dodici anni, riscoprano la bellezza della vita e si aggirino nuovamente fra gli adulti.

Gli studi sono appena cominciati per entrambe le aziende. È bene ricordare che sebbene i giovani non abbiano la priorità, è essenziale la loro vaccinazione per limitare la diffusione del virus.

La campagna vaccinale

In continuo aggiornamento i dati grafici che riportano l’effettiva cifra totale di somministrazione di vaccini: primi gli Usa nell’attuale classifica mondiale. I quali sono attualmente i detentori del primato assoluto, in termini di numero di vaccinati. A seguire la Cina, che sta lentamente uscendo dal lockdown.

Al terzo e quarto posto, troviamo India e Regno Unito, l’UK sta pian piano riaprendo le porte al mondo. L’undicesimo posto è, invece, occupato dall’Italia, soltanto il 21,23% della popolazione risulta essere stato sottoposto a vaccinazione.

Ultimi della selezione sono Pakistan e Armenia, in cui il numero degli immunizzati sembrerebbe essere piuttosto ridotto, quasi pari a zero.