15.7 C
Napoli
giovedì, 8 Dicembre 2022

Droga a Scampia, tutti dentro: anche Danielino di Gomorra

Da non perdere

Droga a Scampia, tutti dentro: anche Danielino di Gomorra. Avevano messo in piedi un giro di spaccio di droga tra Giugliano, Lusciano, Parete, Orta di Atella e Trentola Ducenta da 70mila euro al mese.
A gestirlo la famiglia Sacchettino: padre e due figli. Uno è Vincenzo, il Danielino di Gomorra.

Sono sette i provvedimenti cautelari emessi dalla Procura di Napoli Nord ed eseguiti ieri dai carabinieri della compagnia di Aversa.
Si tratta di Salvatore D’Ambrosio, alias Coca Cola, 44 anni, di Orta di Atella, e Mariglen Lazri, detto Luca, 37 anni, albanese (entrambi in carcere); Nicola Giaccio, 25 anni, di Melito, ai domiciliari; Ernesto Giordano, alias O’ chiatto, (ferimento gravemente a colpi di pistola 5 giorni fa a Scampia) 28 anni, di Napoli finiti tutti in carcere.
Pasquale Sacchettino, alias zio Pasquale, 57 anni, di Napoli, ai domiciliari; Raffaele Sacchettino, 30 anni, di Napoli ai domiciliari.

Droga a Scampia, tutti dentro: anche Danielino di Gomorra

Fra gli arrestati spicca sicuramente il nome di Vincenzo Sacchettino, detto Danielino, 24 anni, di Giugliano, anche lui mandato ai domiciliari.
E’ al suo terzo arresto, l’ultimo a gennaio scorso quando fu trovato armato con una pistola per le strade di Scampia. Altri tre componenti della banda di pusher sono indagati e sono tutti di Napoli.

A incastrare la banda sono le intercettazioni telefoniche dalle quali si accerta il traffico di droga e le modalità. Gli uomini rifornivano di piccoli quantitativi di cocaina e raramente di hashish un numero elevato di acquirenti. Sempre negli stessi luoghi ed, in particolare, nei pressi di noti bar e pizzerie agevolmente individuabili.

Centinaia di conversazioni telefoniche giornaliere intercettate, tutte con una durata brevissima di 10/40 secondi. Chiamate finalizzate a definire il numero di dosi e la località di incontro con il pusher che provvedeva alla consegna.

Le fiorente attività di distribuzione di droga era fatta a piccole dosi, non più di 20 (venti) da 30 grammi ciascuna ed un numero elevato di cessioni quotidiane fino a raggiungere circa 100.

Ad aiutare gli spacciatori, che avevano messo su un giro da 70mila euro al mese, anche i consumatori abituali che riportavano notizie sui movimenti degli investigatori.
Gli indagati, anche se privi di una vera e propria struttura organizzata, risultavano estremamente operativi.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli