5.2 C
Napoli
domenica, 5 Febbraio 2023

Bilancio di Capodanno: molti feriti ma nessun morto

Tantissimi gli interventi dei vigili del fuoco

Da non perdere

Come di consueto arriva il bilancio di Capodanno, tra folli sparatorie e spettacoli pirotecnici finiti male.

Il reportage diramato dal Viminale, per Napoli e la provincia di questa notte di bagordi, apre a dati positivi rispetto agli anni precedenti.

In calo infatti il numero di feriti gravi e fortunatamente non si contano morti.

Bilancio di Capodanno: i numeri

35 persone arrestate e oltre  273 quelle denunciate. E’ il bilancio che emerge dai dati elaborati dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza sull’attività svolta in occasione dei festeggiamenti di San Silvestro. “I dati relativi agli incidenti verificatisi nel corso dei festeggiamenti non fanno registrare alcun episodio mortale – si legge nel report – In calo il dato dei feriti gravi con prognosi superiore ai 40 giorni, passati da 14 a 11, mentre il dato dei feriti con prognosi inferiore ai 40 giorni si presenta in crescita”, dai 100 dello scorso anno a 169.

In base ai dati forniti dal Viminale in questo fine anno, 11 persone sono rimaste ferite a causa di colpi da arma da fuoco, in lieve aumento rispetto ai dati del 2022,erano stati infatti 10.

Sul fronte dei minori si registra “un significativo aumento del dato complessivo: 50 a fronte degli 20 dello scorso anno”.

Il bilancio “napoletano”

Il bilancio di Capodanno del Napoletano lascia di stucco sono, infatti, 16 le persone ferite dai botti tra Napoli e provincia di queste cinque sono minori.

Un dato, quello fornito dalla Questura di Napoli, che segna un aumento rispetto al bilancio dello scorso anno quando i feriti furono otto. La maggior parte dei feriti, 12, è concentrata nella città di Napoli: di questi tre sono minorenni.

Fra i feriti più gravi, secondo i primi dati forniti dai carabinieri, c’è chi ha perso un dito della mano per aver raccolto un botto in strada e chi affacciato al balcone (questo ha dichiarato) è stato colpito al volto da un petardo. Un ragazzino, invece, era a bordo di un’auto quando l’esplosione di un grosso botto ha fatto scoppiare l’airbag che lo ha colpito in pieno volto; è stato ricoverato per un importante trauma oculare.

Uno dei minorenni della provincia di Napoli rimasto ferito nella notte di Capodanno è stato probabilmente raggiunto da un colpo d’arma da fuoco al volto. Da una prima ricostruzione dei carabinieri, ancora da verificare, sembra che il 16enne di Caivano, accompagnato al pronto soccorso dell’ospedale di Frattamaggiore dal padre, mentre era sul balcone dell’appartamento di un suo zio, al Parco Verde, dove stava festeggiando con la famiglia il nuovo anno, ha sentito un forte dolore al volto. Da lì la corsa in ospedale. Il minorenne ha riportato due fori: uno all’altezza mascella destra e l’altro alla mascella sinistra e per questo motivo si sospetta possa trattarsi di una ferita d’arma da fuoco con entrata e uscita.

Uno dei primi ad arrivare al pronto soccorso del vecchio Pellegrini è stato un uomo con una ferita alla mano per la perdita della prima falange. Nello stesso ospedale ha chiesto soccorso anche un altro uomo che ha raccontato di essere rimasto ferito ad una gamba dallo scoppio di un petardo lanciato in strada da uno sconosciuto mentre camminava in via Partenope.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli