26 C
Napoli
sabato, 2 Luglio 2022

Bambino di 18 mesi precipita in un pozzo profondo 150 metri: estratto dopo ore di panico

Da non perdere

Un bambino di 18 mesi è precipitato in un pozzo profondo oltre 150 metri, estratto vivo dopo ore di panico. L’episodio è accaduto negli scorsi giorni in un villaggio indiano nel distretto di Surendranagar, nello stato del Gujarat.

Dalle ricostruzioni diffuse dalla polizia locale, il bimbo di un anno e mezzo stava giocando nei pressi della sua abitazione quando è precipitato nel pozzo, profondo oltre 150 metri, fermandosi ad una profondità di 6 metri. É possibile che al sopraggiungere del buio della sera il piccolo non abbia visto l’entrata della cavità. L’allarme è stato lanciato intorno alle 20 dai familiari del bimbo che hanno assistito impotenti alla scena. Sul posto sono immediatamente giunti i soccorsi. Dopo quasi un’ora, grazie all’utilizzo di un’imbracatura speciale, il bambino è stato estratto dal pozzo e affidato alle cure dei sanitari. Fondamentali per il salvataggio il tempestivo intervento di personale specializzato tra cui l’esercito.

“La squadra di soccorritori dell’esercito è arrivata sul posto intorno alle 21:45. Hanno calato un gancio legato a una fune nel pozzo. Sono riusciti a intrappolare la maglietta del ragazzo nel gancio e poi delicatamente lo hanno tirato fuori dal pozzo” hanno spiegato le autorità, aggiungendo: “Sono riusciti a tirare fuori il bimbo dal pozzo entro 45 minuti dal loro arrivo”.

 

image_pdfimage_print

Ultimi articoli