Alberto Salcedo Ramos porta il ring in libreria

La vita e i miracoli, sportivi e non di un uomo capace di incanalare tutto il sentimento del suo popolo attraverso la nobile arte della boxe. Arriva in Italia, dopo il successo in Francia, L'oro e l'oscurità di Antonio Salcedo Ramos, giornalista e scrittore colombiano.

Un buon scrittore deve aver insita l’arte della cronaca, come quella del pugile di saper muovere le gambe per schivare e colpire l’avversario, all’interno del quadrato.

Alberto Salcedo Ramos, giornalista e scrittore colombiano appassionato della cultura popolare, da buon intenditore di storie in cui animo e cuore fanno a cazzotti con la vita e i suoi risvolti, ha messo in pratica tale scenario attraverso il romanzo edito nel 2005 “El oro y la oscuridad. La vida gloriosa y tragica de Kid Pambelé”, ripercorrendo successi e fallimenti, onore e cadute dell’ex pugile ed allenatore colombiano Antonio Cervantes, che per due volte vinse il titolo di peso welter junior.

Fresco ancora di premiazione in Francia, dove il romanzo ha conseguito il Prix du Livre Réel lo scorso 17 agosto, grazie al lavoro della Alessandro Polidoro Editore, anche l’Italia si appresta a conoscere questo straordinario interprete del sentimento e dell’emotività di un popolo che emerge attraverso uno sport come la nobile arte, che in alcune aree dell’America Latina ha la stessa pregnanza del calcio nel nostro Vecchio Continente.

In arrivo in tutte le librerie della penisola in ottobre, l’opera è uno scavo nel mito e nell’incubo della vicenda pubblica e privata di uno sportivo, che come lo stesso autore ha dichiarato: <<Pambelé è ciò che Maradona è in Argentina; l’ex pugile rappresenta tutto ciò che siamo>>.

Allo stesso tempo, non manca il trasporto emotivo dell’autore, il quale si pone come everyman dell’intera comunità, descrivendone le sensazioni e le speranze celate dietro i pugni e i guantoni di Pambelé: <<Quando ero bambino non perdevo il mio tempo guardando Superman o Tarzan: il mio supereroe era reale e si chiamava Pambelé>>.

 

 

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO