Valeria Capezzuto: morta la stimata giornalista del Tg3 Valeria Capezzuto aveva appena 63 anni e da tempo soffriva di una malattia che si è progressivamente aggravata

Un’altra notizia negativa, veramente drammatica, come praticamente quasi ogni informazione di cronaca, dal sapore ancora più scioccante. Un’altra vittima, stavolta nel mondo del giornalismo, in particolare quello di Napoli: è deceduta Valeria Capezzuto, da anni viso ormai illustre della Rai e del Tg regionale della Campania.

Sessantatre anni e di origini napoletane, Valeria Capezzuto era giornalista professionista dal 1995 ed aveva esordito nel mondo del giornalismo col Giornale di Napoli nel 1992. A partire dagli ultimi anni del XX secolo, ha intrapreso la lunga ed intensa carriera in Rai, prima come precaria e poi finalmente come articolo 1. Da tempo le era stato diagnosticato un tumore; successivamente, le sue condizioni sono peggiorate e si è spenta nella notte tra sabato e domenica. I funerali di Valeria si terranno nella giornata di oggi dieci agosto, alle 11 presso la Chiesa di San Gennaro al Vomero.

Valeria carissima, abbiamo il cuore a pezzi. Ognuno di noi porterà sempre dentro di sé il tuo sorriso dolce, il tuo sguardo buono, il tuo garbo, la tua innata gentilezza. Ti ricorderemo come una professionista esemplare, scrupolosa, preparata, e come la grande cara amica di tutti noi, sempre attenta, sensibile e premurosa“. Una donna straordinaria, forte e coraggiosa allo stesso tempo. Una donna alla quale si voleva necessariamente bene, un tipo di affetto destinato a durare in eterno. Questa la considerazione e il pensiero di Antonello Perillo e il team di Tgr Campania, che hanno dato il triste annuncio tramite la piattaforma Facebook.

Anche il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris ha voluto ricordare ed omaggiare la giornalista Valeria Capezzuto, morta nelle passate ore dopo aver combattuto per un lungo arco di tempo contro un tumore. “Con dolore esprimo il profondo cordoglio ai familiari di Valeria Capezzuto, per la sua prematura scomparsa. Giornalista brava, professionale, sensibile ed amante della nostra Napoli. Ai familiari, ai suoi amici cari ed ai giornalisti della Rai di Napoli rivolgo un forte abbraccio”.

Un dispiacere condiviso e un dolore che invade i cuori di ogni cittadino di Napoli, della Campania e di tutta la penisola italiana. Era simbolo di quella Redazione e di tutto il gruppo, un’icona non solo della Rai ma dell’intero mondo del giornalismo.

Ed il cordoglio è giunto anche da parte dei vertici della Rai, dal presidente Marcello Foa all’Amministratore Delegato Fabrizio Salini, i quali hanno espresso il profondo dolore per la scomparsa della donna. In una nota congiunta il Cdr della Tgr RAI Campania, con l’Usigrai e il Sugc, sindacato dei giornalisti campani, ha infine ricordato Valeria Capezzuto come un esempio di professionalità e donna dalle strabilianti capacità umane. Dopo una lunga e asfissiante battaglia, alla fine non ha più sopportato la fatica immane e ci ha lasciati all’età di 63 anni. I segni di quel combattimento non erano per niente evidenti, anzi tutt’altro; era una donna caratterizzata dal sorriso, che neppure quella maledetta malattia è stata in grado di spegnerlo. Gentilezza ed eleganza, le sue caratteristiche principali, qualità che hanno contraddistinto Valeria anche all’interno del suo lavoro.

Mancherà tanto, la sua assenza sarà tremenda; un pezzo di giornalismo è andato via, ma soltanto fisicamente, perché all’interno dei nostri cuori ricorderemo sempre Valeria con il suo splendido sorriso e la sua gioia di vivere.

Print Friendly, PDF & Email

more recommended stories