24.5 C
Napoli
mercoledì, 5 Ottobre 2022

Miglio d’oro: riapre Villa Campolieto e Villa delle Ginestre

Da non perdere

Miglio d’oro, si riparte in bellezza.

Riaprono di nuovo al pubblico  Villa Campolieto ad Ercolano e Villa delle Ginestre a Torre del Greco.

La fondazione Ente Vesuvio ha fatto sapere che saranno di nuovo visitabili e gratuitamente per tutto il mese di Giugno le due Ville che sono il fiore all’occhiello delle storiche ville vesuviane.

Non lontanissimo dalla Reggia di Portici, accanto ad un’altra splendida struttura, Villa Favorita, sorge Villa Campolieto.

Dopo il periodo di contenimento a causa dell’emergenza sanitaria, sarà di nuovo possibile ripercorrere in bellezza le suggestive strutture  del Miglio d’oro.

Villa Campolieto, edificata sotto la volontà del Principe Luzio De Sangro, Duca di Casacalenda (CB) il quale affidò il progetto e i laviri a Mario Gioffredo. Successivamente quest’ultimo fu sostituito da Luigi Vanvitelli che portò avanti la costruzione fino al 1773. Lavori completati poi nel 1775 dal figlio Carlo.  Villa Campolieto fu acquisita nel 1977 dall’Ente per le Ville Vesuviane, che ne ha curato la restaurazione per riportarla all’antico splendore rendendola visitabile al pubblico.

L’edificio  vanta una pianta quadrata,  un portico a forma ellittica sostenuto da colonne toscane e possiede tra le sue bellezze un belvedere da cui è possibile scorgere il mare.

Ai piedi del Vesuvio, invece in una particolare posizione panoramica sorge la famosa Villa che ebbe il merito di ospitare il poeta Giacomo Leopardi, nei suoi ultimi anni di vita. Parliamo di Villa delle Ginestre, edificata alla fine del seicento da Giuseppe Simioli il Canonico, che la rese residenza estiva per ospiti di grande caratura culturale, tra i tanti Luigi Vanvitelli, cui si deve probabilmente il progetto della scala che porta al piano superiore della Villa.

Quest’ultima fu ereditata dalla nipote di Simioli che sposò Diego Ferrigni, da cui naque Giuseppe, consorte della famosa Enrichetta Ranieri, sorella dell’intimo amico di Giacomo Leopardi, Antonio.

Proprio in questa trama intrecciata di rapporti d’amicizia , nacque l’idea di Ferrigni di ospitare Leopardi, per curare la sua fragilissima condizione di salute.

 

VISITE E INFO UTILI

Per tutto giugno, le Ville saranno visitabili gratuitamente

Prenotazioni obbligatorie dal martedì alla domenica

Fasce orarie : 10 e 11,30

il mercoledi e venerdi per la sola Villa Campolieto con visita pomeridiana alle 16,30 e alle 18,00.

 

Chi Siamo

 

image_pdfimage_print

Ultimi articoli