21.2 C
Napoli
giovedì, 6 Ottobre 2022

La sua libreria? Un modo per scoprire se è quello giusto per te

Il modo in cui organizziamo la nostra libreria dice molto della nostra personalità. Scopriamo perchè

Da non perdere

Facendo il giro degli scaffali di una libreria potremmo scoprire le mille sfaccettature della personalità del proprietario.

Eh sì, il modo in cui cataloghiamo i nostri libri racconta molto di noi stessi, forse più di quanto vorremmo e potrebbe essere un valido aiuto anche per scoprire se la persona che stiamo frequentando fa al caso nostro.

Non solo ordine o caos quindi, ma un vero e proprio schema mentale, difficile da decifrare per chi guarda dall’esterno.

E così ci sarà colui che semplicemente li ha messi lì un pò a caso, nella fretta di un trasloco o di un rimodernamento degli interni. Il catalogatore per autori o per provenienza geografica, quello geloso dei suoi tomi e che sa se qualcuno ne ha preso uno qual è semplicemente perchè sicuro che su quello scaffale il terzo libro era proprio quello lì.

Ci sono poi quelli che dividono la propria libreria per arie tematiche con una sezione per i fantasy, uno per i classici, uno per i gialli, per gli horror e così via.

Che dire poi degli esteti della libreria, quelli che anche se non è molto pratico preferiscono catalogare per dimensione e colore i vari tomi.

Attenti però, se provate a mettere in ordine i vosri libri, da non farvi prendere dalla smania di implementare la vostra collezione, il percorso potrebbe essere doloroso, anche se in alcuni casi necessario.

Di sicuro, prima di buttarsi a capofitto in una relazione, buttare un occhio su gli scaffali della libreria della persona in questione non è una cattiva idea. La libreria è, infatti, una buona consigliera sentimentale. Attenzione però, se i libri sono troppi, come si fa ad andare a vivere insieme? Una soluzione potrebbe essere scegliere entrambi il primo libro che portereste nella vostra nuova vita, continuando poi con uno a testa, fino a riempire tutti gli scaffali della nuova casa. Se scatta la convivenza, insomma due cuori e una libreria, l’importante è cedere su qualche punto e solo allora sarà vero amore. Coraggio, trascorsi i primi ardori, per declassare i suoi volumi in seconda fila (e poi in cantina) non mancherà certo occasione.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli