18.1 C
Napoli
mercoledì, 5 Ottobre 2022

Feste di Natale a Napoli: meno luci, più solidarietà

Da non perdere

Eva Maria Pepe
Laureata in Lettere classiche, ama l'arte, la letteratura, i viaggi. Il suo più grande sogno è diventare scrittrice.

Quante volte ci siamo sentiti dire che questo Natale sarà diverso dagli altri? Ebbene sì. Già non avere la possibilità di trascorrere le feste con amici e parenti, bensì solo con i familiari conviventi, così come ha fortemente raccomandato il premier Giuseppe Conte nel suo discorso alla nazione, ci fa capire che questo Natale sarà strano. Le feste di Natale a Napoli sono magiche, e non dobbiamo dimenticare che Natale è sempre Natale. E seppure in maniera diversa, non possiamo non onorare questo periodo dell’anno.

Feste di Natale a Napoli: le luci

Il Comune di Napoli ha deciso di festeggiarlo in una maniera forse più consona al momento storico che stiamo vivendo. Napoli festeggerà all’insegna della solidarietà. Non ci sono luminarie in giro per la città e tutti ci chiediamo il motivo. Ebbene il Comune ha previsto solo 50 mila euro per le luci natalizie, a differenza dei 250 mila previsti negli altri anni. In poche parole si è deciso di illuminare un solo palazzo per quartiere, lasciando i restanti 200 mila euro a tutte le persone e le categorie (soprattutto operatori della cultura e dello spettacolo) che hanno sofferto particolarmente per la crisi economica causata dal Covid-19.

Feste di Natale a Napoli: l’albero

Ma non è Natale senza un albero. Come quello installato in piazza Bovio, regalato alla città dalla Camera di Commercio. L’albero si trova proprio all’uscita della stazione “Università” della metro Linea 1, davanti allo scalone d’ingresso della Camera. L’albero è alto 18 metri ed è illuminato come l’edificio dell’ente di Piazza Borsa. Un altro albero verrà installato in Piazza Plebiscito, offerto da Confesercenti per regalare alla città un simbolo di speranza per superare il Coronavirus. Il presidente di Confesercenti, Vincenzo Schiavo, ha infatti annunciato: “Abbiamo deciso di fare un dono alla città e alle imprese, provate dalla crisi del Coronavirus. Vogliamo così infondere un po’ di speranza e di gioia nel cuore dei napoletani. Con la speranza che l’alberello ci faccia dono di uscire dalla crisi nera della pandemia che ha reso il nostro territorio più povero”. L’albero doveva essere già inaugurato in questi giorni, ma la forte ondata di maltempo ha causato dei ritardi. Sembra che la data di inaugurazione più probabile sia sabato 12 dicembre.

Capodanno 2021 a Napoli: niente fuochi

E il Capodanno? Pare che il comune abbia cancellato il bellissimo spettacolo di fuochi pirotecnici di Castel dell’Ovo previsto per la mezzanotte del 31 dicembre. Il sindaco Luigi De Magistris ha affermato: “Noi facevamo dei fuochi bellissimi a Castel dell’Ovo ma quest’anno non si faranno, sarà un Natale all’insegna della sobrietà e alla solidarietà, i soldi che destinavamo alla festa saranno destinati alla solidarietà.” Parlando di fuochi d’artificio, il sindaco inoltre vuole mostrare rispetto nei confronti di tutte le vittime del Covid-19: “Spero che non si spari quest’anno. Se devo esser sincero spero proprio che non si spari quest’anno, chi ha un pò di soldi li dia a chi è rimasto senza. Non è l’anno dei botti sinceramente, non è l’anno dei fuochi pirotecnici”.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli