Evento Cibus Tec a Parma

L’evento Cibus Tec avrà luogo presso le Fiere di Parma

Da martedì 22 a 25 venerdì ottobre 2019, si svolgerà il Cibus Tec , principale evento per l’innovazione tecnologica nel settore agroalimentare.

L’evento avrà luogo presso le Fiere di Parma.

Il programma della manifestazione Cibus Tec è molto ricco.

Durante l’evento ci saranno:

  • Workshop e educationals.
  • Unità dimostrative.

Il Cibus Tec è il contenitore di novità e business prediletto dalle industrie italiane e internazionali agroalimentari, che stabiliscono e definiscono gli investimenti tecnologici a Parma.

In occasione dell’evento sono previsti circa 1,300 espositori, che metteranno in mostra le tecnologie per tutte le filiere dell’agroalimentare come:

  • Frutta e vegetali
  • Piatti pronti
  • Carne e prodotti ittici
  • Latte e derivati

Quest’anno ci sarà anche l’introduzione di un nuovo comparto: prodotti da forno e derivati dai cereali, snack e prodotti dolciari.

Alla manifestazione hanno aderito importanti brand come:

  • Coca cola
  • Fonterra
  • Jbs
  • Del Monte
  • Dean Food

L’edizione di quest’anno del Cibus Tec sarà caratterizzata dall’ internazionalizzazione.

Infatti all’evento parteciperanno circa 400 brand esteri del Food&Beverage, originari di 25 nazioni differenti, molti di più rispetto al 2016.

Uno dei paesi più rappresentati alla manifestazione sarà la Germania, seguono poi:

  • Paesi Bassi
  • Danimarca
  • Svizzera
  • Francia

Abbastanza rappresentate saranno anche:

  • Cina
  • Turchia
  • Usa

Questi risultati sono stati ottenuti grazie all’allenza con Koelnmesse, che ha permesso a Cibus Tec di entrare nella maggiore piattaforma mondiale permanente del meccano-alimentare a partire dal 2016.

In questa nuova edizione, per la prima volta un padiglione sarà adibito alle soluzioni tecnologiche più innovative per succhi, latte, acque, birra, vino e liquore.

Questo evento ha dato maggiore forza al processo di internazionalizzazione, valorizzando nello stesso tempo le tecnologie tipiche del “made in Italy” oltre i confini.

 

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO