17.4 C
Napoli
mercoledì, 7 Dicembre 2022

Covid-19: contagi in aumento, torneranno le mascherine?

Nel corso dell'ultima settimana, è stato riscontrato un aumento significativo dei casi di Covid-19. Questo dato è stato accompagnato da una serie di ipotesi sulla gestione della pandemia.

Da non perdere

Con l’arrivo dell’autunno assistiamo ad un incremento dei contagi di Covid-19. I dati registrati in Italia nell’ultima settimana sono chiari: +51,9%, con un aumento dei ricoveri ordinari, che subiscono una crescita del 31,8%.

Al contrario, risulta in calo il numero di decessi, che scende dell’8,5%. Tali risultati, emergono dal monitoraggio della fondazione Gimbe, in riferimento alla settimana che va dal 28 settembre, al 4 ottobre.

Nel giro di sette giorni, i casi rilevati sono aumentati in maniera significativa: passano da 160.829 a 244.353, (+83.524). Mentre le morti scendono da 307 a 281, con una media di 40 decessi al giorno rispetto a 44.

Il numero di pazienti ricoverati in ospedale con i sintomi del Covid-19 cresce da 3.653 a 4.814, (+1.161) e i pazienti in rianimazione passano da un numero di 128 a 155. Gli attuali positivi crescono del 10,7% e  le persone isolamento domiciliare del 10,5%.

Casi di Covid-19 in aumento: le dichiarazioni del presidente della fondazione Gimbe

A dare l’allarme è Gino Cartabellotta, Presidente della fondazione Gimbe. Quest’ultimo ha sottolineato l’incremento di casi, rilevato nell’ultima settimana in tutte le regioni italiane, anche se in misura variabile.

Si passa dal +18,4% riscontrato in Sardegna, al +132 della Valle d’Aosta. Una situazione eterogenea, che si sviluppa diversamente nelle varie province della penisola.

Sulla questione, si esprime anche Marco Mosti, direttore operativo della fondazione Gimbe, che ha parlato dell’inversione di tendenza nelle terapie intensive, dopo due mesi di calo, con un conseguente aumento dei ricoveri in area medica.

L’intervento del direttore operativo prosegue evidenziando l’aumento dei ricoveri. I dati riportano un numero minimo di ricoverati, pari a 125 il 25 settembre, poi saliti a 155 il 4 ottobre. In area medica, dopo aver raggiunto il dato minimo di 3.294, sono aumentati a 4.814 nella medesima data.

Alla giornata del 4 ottobre, il tasso nazionale di occupazione dei pazienti Covid risulta del 7, 6% in area medica. Nello specifico, il dato è del 23, 2% nella provincia autonoma di Bolzano, del 3, 8% in Sardegna e dell’1, 7% in area critica.

Cartabellotta sensibilizza l’opinione pubblica, sottolineando la necessità di un piano regolatore dell’emergenza, a suo dire offuscato dalla fase di transizione politica vissuta dal nostro paese.

Intanto, nelle ultime ore, aumentano le voci che parlano della bozza di una nuova circolare rivolta alle regioni per la gestione dell’emergenza sanitaria; che regolerebbe anche l’uso delle mascherine nei luoghi chiusi come prima risposta all’aumento dei contagi. Nonostante ciò, tale ipotesi è stata smentita dal ministro uscente, Roberto Speranza.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli