mercoledì 22 Maggio, 2024
21.2 C
Napoli

Articoli Recenti

spot_img

Carditello rifiorisce: Sangiuliano inaugura tempietto e appartamenti reali

La reggia di Carditello vive una vera e propria fioritura. Ieri mattina al complesso borbonico c’era il ministro della cultura, Gennaro Sangiuliano, a celebrare la riapertura delle sale degli appartamenti reali al pubblico.

Il tutto è avvenuto in un contesto molto suggestivo: figuranti in abiti d’epoca hanno sfilato tra le sale del palazzo, esaltando la bellezza della reggia e creando un’ atmosfera di fascino e regalità.

All’ incontro sono intervenute personalità di spicco della politica locale e nazionale: il prefetto Giuseppe Castaldo, il questore Andrea Grassi, la direttrice della reggia Tiziana Maffei, il direttore generale dei musei Massimo Osanna, il deputato di Fdi Marco Cerreto. A chiudere il consesso la prima presidente della fondazione, Mirella Stampa e suo marito, Maurizio Barracco.

Questi hanno donato alla fondazione una targa d’epoca che presenta un’ interessante raffigurazione  di Carditello.

Ottima la restaurazione del tempietto dorico, mentre quella degli appartamenti reali risulta meno completa. Infatti, gli ambienti restaurati presentano svariate macchie di umidità e intonaci staccati.

I lavori sono stati accettati dalla fondazione con riserva e attualmente sono in corso ulteriori accertamenti.

Fiore all’ occhiello del complesso, la pinacoteca virtuale. Quest’ ultima propone una serie di arazzi e di quadri presenti in passato a Carditello e ad oggi custoditi in altri musei campani, come la Reggia di Caserta, il Museo di Capodimonte e il Palazzo reale di Napoli.

Altro elemento di pregio, la sala buia, destinata ai tavoli da gioco. L’ ambiente ospita una tela proveniente dalla Reggia di Caserta, il “Gran Cavallo” acquisito dal Ministero della cultura dall’ casa d’asta Bohnams di Londra.