Mattarella, Parmitano orgoglio italiano nello spazio

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in collegamento con il comandante Luca Parmitano, ha espresso orgoglio e riconoscenza per la partecipazione italiana sulla Stazione Spaziale.

Durante il collegamento organizzato al Quirinale da Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Agenzia Spaziale Italiana (Asi), tra il comandante della Stazione Spaziale, Luca Parmitano e il presidente  della Repubblica, Sergio Mattarella, quest’ultimo ha definito la presenza del comandante, e quindi dell’Italia, come motivo di “orgoglio e riconoscenza“.

AstroLuca, che il 15 novembre eseguirà la prima di quattro passeggiate spazialipiù difficili mai tentate‘, in collegamento dal modulo europeo Columbus della Stazione Spaziale, costruito in Italia, ha risposto: “Benvenuto a bordo presidente.” e ha poi continuato: ” Sono grato all’Italia di avere una forte spinta verso lo spazio.

A seguire il colloquio dal Quirinale vi erano il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, con delega alle politiche spaziali, Riccardo Fraccaro, il direttore generale dell’Esa Ian Woerner, il presidente dell’Asi Giorgio Saccoccia e l’astronauta dell’Esa Samantha Cristoforetti.

Il presidente Mattarella ha parlato ad AstroLuca dell’importanza della ‘grande partecipazione italiana‘ alla Stazione Spaziale, sia per  il contributo dato alla costruzione dei moduli pressurizzati, sia per il ruolo che svolge negli esperimenti.

Parmitano, dopo le parole del capo dello Stato, ha dichiarato: “Sono io ad essere riconoscente per avere la possibilità di partecipare alla più grande avventura dell’umanità e sono grato al mio Paese per avermi addestrato, grazie all’Aeronautica Militare, e per avermi abituato a guardare lontano, con una scuola che ha saputo nutrire la mia curiosità, che mi ha permesso di andare via e di tornare e ricominciare. Provo gratitudine per la mia bandiera e spero che un giorno il nostro lavoro serva all’umanità in generale.

Mattarella, inoltre, durante il colloquio, ha poi dichiarato in merito al ruolo svolto dagli  astronauti: ” Siete un punto di riferimento e un modello per i nostri giovani.

Ed è proprio su queste parole che Parmitano ha dichiarato quel che per lui rappresenta una delle cose più importanti: ” Il messaggio di speranza che indica la possibilità di avere qualcosa da raggiungere. Noi astronauti rappresentiamo questa possibilità.

 

 

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO