La “Napoli Velata” di Oreste Pipolo al Pio Monte

La Napoli Velata di Oreste Pipolo torna in scena al Pio MOnte della Misericordia. L'ente in cui è custodita l'exemplum del genio dell'arte del caravaggio apre le porte ad un'esposizione in cui l'obiettivo della macchina entra in una competizione estetica per raccontare la Napoli di oggi.

Sarà inaugurata sabato 26 ottobre la mostra fotografica “Napoli Velata” di colui che meglio ha interpretato con la moderna estetica dell’obiettivo fotografico per raccontare Napoli tra Eduardo, momenti di festa e le sue mancanze, Oreste Pipolo, meglio noto come il “fotografo dei matrimoni”, presso il Pio Monte della Misericordia.

L’ente seicentesco, in cui è conservata una delle testimonianze artistiche del soggiorno partenopeo del Caravaggio, accoglierà a circa quattro anni dalla scomparsa di uno dei maestri della fotografia di Napoli e non solo, grazie al contributo di Giovanni Mangiacapre, di Loredana Gazzara e di Ivana e Mirian Pipolo, figlie del compianto genio dell’obiettivo, verrà messa in scena l’intera sequenza le immagini dell’ultimo progetto fotografico del Pipolo che diedero luce al documentario del reporter campano Domenico Iannaccone “Spaccanapoli”, realizzato per la trasmissione televisiva di Rai3 “I 10 Comandamenti”.

Scopo della mostra è di rendere onore e raccontare attraverso le immagini la bellezza e anche il sociale del capoluogo partenopeo, attraverso le figure che costituirono emblema della Napoli che fu dinanzi al mondo che cambia e il tempo che scorre, tra dimenticanze e melting pot, facendone risaltare attraverso i drappi setosi anteposti dal fotografo la verità celata anche all’occhio umano.

L’esposizione, organizzata dall’Associazione Connessioni Culture Contemporanee-Oreste Pipolo-Kromia, sarà inserita nel catalogo del Pio Monte della Misericordia-Contemporanea. 

Gli spettatori potranno prendere parte alla mostra fino al prossimo 7, secondo gli orari stabiliti dall’ente: dal lunedì al sabato, dalle 9 alle 18, mentre la domenica fino alle 14,30.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO