domenica 23 Giugno, 2024
21.2 C
Napoli

Articoli Recenti

spot_img

Xiaomi, +20% nel 2019

I risultati fiscali registrati da Xiaomi nel corso del primo semestre del 2019 indicano che la prima metà dell’anno è stata particolarmente proficua per il colosso, rispetto al 2018 le entrate sono aumentate del 20,2%. Ad essere aumentato è stato anche l’utile netto, pari a 809,6 milioni di dollari, il quale è cresciuto di quasi il 50%. 

Il Ceo Lei Jun ha svelato che grazie a questi risultati la società è riuscita a diventare la più giovane azienda a entrare nella classifica Fortune Global 500 2019

Durante il secondo trimestre Xiaomi si è posizionata al quarto posto per numero di smartphone spediti in Europa, circa 4,3 milioni, risultato derivante anche dalla nascita del brand Redmi nello scorso gennaio.

Il margine lordo di Xiaomi è aumentato del 3,3% nel primo trimestre del 2019, mentre nel secondo è aumentato ulteriormente fino a raggiungere l’8,1%. 

Durante l’intero periodo sono stati lanciati numerosi smartphone, tra cui Mi 9, Redmi K20/Pro ( in Italia Mi 9T Pro) e Redmi Note 7. 

Il secondo semestre sarà invece caratterizzato dal lancio di dispositivi low cost CC9 e CC9e, adatti ai giovani e dotati di un comparto fotografico di buona qualità. 

Grazie al Mi MIX 3 5G, già disponibile in Italia, Xiaomi cercherà di offrire i vantaggi della connettività di nuova generazione. 

Non solo gli smartphone, ma anche i dispositivi IoT di Xiaomi hanno riscosso successo nel primo semestre del 2019, le entrate generate sono cresciute del 49,3% rispetto al 2018. Il mercato è guidato dalle Smart TV, le cui vendite sono aumentate del 64,9% rispetto allo scorso anno. 

Risultati più che positivi anche per le spedizioni di Mi Band 4, nei primi 8 giorni dal lancio la smartband ha superato il milione di unità vendute. 

Emanuele Marino
Emanuele Marino
Giornalista pubblicista, nonché studente universitario iscritto alla facoltà di Lettere Moderne presso l'Università degli studi di Napoli Federico II