lunedì 26 Febbraio, 2024
9.2 C
Napoli
spot_img

Articoli Recenti

spot_img

Sara Penelope Robin: un monologo dedicato a Giulia Cecchettin

Conta ben centosessantotto mila followers su Instagram, si tratta di Sara Penelope Robin, all’anagrafe Sara Genevieve, che ha conquistato il pubblico social con i suoi monologhi pungenti, ma al tempo stesso fortemente attuali. 

Ricordiamo che la tiktoker napoletana, nasce come content creator sui social, ma è anche un’attrice che si destreggia tra recitazione, canto, chitarra classica e danza.

Una ragazza di trentadue anni, originaria di Caivano, che ha saputo conquistare il pubblico del web, trattando argomenti seri in modo si potrebbe dire “ironico”, ma senza lederene l’identità. 

Molti i temi trattati nei suoi video, dalla politica, alla cultura, dall’amore ai piccoli spaccati della vita quotidiana.

L’ultimo video pubblicato su instagram, è un toccante monologo che ha per tema la violenza sulle donne, dedicato a Giulia Cecchettin, tragicamente uccisa dal fidanzato.

Il monologo, in napoletano, arriva dritto al cuore, grazie all’inconfondibile bravura dell’interprete, che come sempre riesce ad entrare in empatia con il suo pubblico, calandosi nelle parti ed interpretandole con una incredibile suggestione. 

Sara Penelope Robin si filma mentre è intenta a truccarsi… nel contempo interpreta il ruolo della donna che intenta a parlare con un’altra donna, “giustifica” alcuni comportamenti violenti da parte di un uomo.

Alla fine del video, Sara Penelope Robin mostra il volto truccato ai suoi utenti: è la faccia di una ragazza barbaramente picchiata, che mostra due cerchi neri sotto agli occhi.  

Frasi ridondanti, che purtroppo sembrano essere tipiche di coloro che poi perpetrano tali gesti, picchiando, sottomettendo o addirittura uccidendo la donna “amata”. Grazie al video della tiktoker napoletana si comprende qualcosa di cui probabilmente tutti sono consapevoli, ma che andrebbe sottolineato. 

“L’amore non uccide. Chi ama non picchia. Chi usa violenza non va giustificato”. 

Sono proprio questi i temi che emergono nel video, nel toccante monologo che l’artista ha pubblicato sul proprio profilo Instagram, dove è seguitissima. Il video è diventato virale in pochissimo tempo, palesandosi come strumento di sensibilizzazione e di denuncia, veicolo di un messaggio importantissimo: non bisogna mai giustificare atteggiamenti e comportamenti violenti, in nessun caso.

Un monologo con il quale la celebre artista napoletana, ribadisce diversi argomenti e concetti di forte impatto sociale. Ogni donna potrebbe essere Giulia e se è successo senza concludersi con un epilogo tragico, è solo fortuna.

 

Ecco perchè il video del quale parliamo rappresenta un – coro solidale – che riguarda TUTTE le donne vittime di violenza, sperando di salvarne quante più possibile, incoraggiandole a denunciare.

Il video pubblicato su Instagram si conclude con una frase che gela il sangue: “Si, quello mi voleva troppo bene perciò si è portato via tutto perché mi voleva tutta per se”.