Napoli, al San Paolo per ritrovare la vittoria

I campani ospitano il Bologna di Sinisa Mihajlovic. Gli azzurri non vincono da 7 partite

Sì interroga il mister Carlo Ancelotti sulle incivili urla razziste che hanno colpito kalidou koulibaly

Per il Napoli può e deve essere la domenica della svolta. La squadra di Ancelotti non vince da ben 7 partite (6 pareggi e 1 vittoria), per cui tornare alla vittoria sarebbe la miglior medicina quando si attraversano periodi di crisi.

I partenopei quest’oggi ospitano il coriaceo Bologna, squadra ad immagine e somiglianza di Sinisa Mihajlovic, al quale porgiamo gli auguri per una pronta guarigione.

Sicuramente il Napoli ha dato segni di vita importanti a Liverpool, uscendo indenne dalla temibile tana dei campioni d’Europa e disputando una buona partita, mettendo quasi al sicuro il passaggio del turno (gli azzurri devono battere in casa il Genk per la matematica).

La domanda è: saprà il Napoli dare continuità a quel tipo di prestazione? Come mai si vede una squadra completamente diversa tra campionato e Champions? Che Ancelotti sia un allenatore più avvezzo alle coppe lo si sapeva, ma è anche vero che il Napoli deve cominciare ad ingranare punti in campionato per non mettere a rischio la qualificazione alla prossima Champions, per niente scontata visto l’andamento delle concorrenti.

Per la sfida di oggi è completamente ristabilito Lorenzo Insigne dal problema al gomito e partirà dal primo minuto. Non saranno del match invece Allan e Milik: il primo alle prese con problemi al costato, mentre l’attaccante mancherà per lesione ai muscoli addominali e si valuterà il suo rientro per il prossimo impegno.

Anche i rossoblù devono far fronte ad alcune assenze pesanti, come quelle di Soriano e Santander, oltre al lungodegente Dijks. Mihajlovic si affiderà ad un attacco tutto tecnica e rapidità con Orsolini, Sansone e Palacio, con l’ex Dzemaili che agirà come trequartista.

Vedremo come risponderà la formazione di Ancelotti sul campo. La vittoria in campionato manca addirittura dal 19 ottobre, decisamente troppo per una squadra che ad agosto mirava decisamente ad altri obiettivi. Ci vuole il Napoli formato europeo per tornare a brillare e soprattutto per far ritrovare l’entusiasmo ai tifosi.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO