16.3 C
Napoli
sabato, 25 Marzo 2023

Industria del tempo libero: solo il 7% delle donne ricoprono ruoli di vertice

I dati riguardo l'occupazione nell'industria del tempo libero ci mostrano come in questo settore ci sia un grande squilibrio di genere.

Da non perdere

Nell’industria del tempo libero solo il 7% delle posizioni di amministratore delegato e presidente è ricoperto da donne. Ciò sottolinea un grande squilibrio di genere nel settore.  I dati sulla situazione nell’industria del tempo libero ci arrivano da una ricerca realizzata su società quotate in borsa.

I dati dell’industria del tempo libero

La ricerca “The numbers behind women in leadership: Leisure” è stata realizzata dalla società di consulenza privata Aptamind Partners ed è supportata dal World Travel & Tourism Council (Wttc). Questa si basa su dati pubblicamente disponibili provenienti dal mondo dei più grandi gruppi alberghieri, casinò e società di intrattenimento.

I dati mostrano come da un saldo complessivo del 50% nella forza lavoro del settore del tempo libero, la percentuale di donne scende al 42% nella dirigenza di medio livello e al 33% nella dirigenza senior. Mentre a livello di C-Suite, solo un dirigente su cinque è donna, con un calo al 7% ai vertici.

Cambiare 

Ma un cambio di rotta è possibile. Il cambiamento si inizia a vedere chiaramente nella percentuale di donne nei consigli di amministrazione delle aziende del tempo libero, che è passata dal 17% nel 2007 al 28% nel 2022. Il numero di donne presidenti dei consigli di amministrazione di società di casinò e intrattenimento è cresciuto dal 6% al 12% tra il 2019 e il 2021 e il numero di amministratori delegati donne è aumentato dal 3% al 9% nello stesso periodo.

“Sebbene siano stati compiuti alcuni progressi negli ultimi due anni, c’è ancora molto lavoro da fare – osserva Aradhana Khowala, ceo di Aptamind Partners e autrice del rapporto -. Abbiamo bisogno di un cambiamento radicale nel modo in cui pensiamo e parliamo di genere e leadership. E dobbiamo andare oltre le iniziative ben intenzionate e gli esercizi di selezione e iniziare a compiere passi concreti per correggere l’attuale squilibrio. Uno dei principali ostacoli al miglioramento della diversità di genere è la mancanza di dati approfonditi e solidi di dominio pubblico”.

Julia Simpson, president & ceo Wttc, non ha dubbi: “Mettere le donne al centro della scena dei viaggi e del turismo garantirà un futuro migliore al settore”.

Le sei soluzioni offerte

Il rapporto offre sei soluzioni che possono aiutare l’industria del tempo libero a incrementare il numero di donne nelle posizioni di leadership: una migliore divulgazione e relazioni periodiche, regolamentazione e verifica indipendenti e incentivi e responsabilizzazione della leadership per i progressi sulla diversità di genere.

Il rapporto è il primo di una serie di quattro pubblicazioni che analizzano la presenza femminile in ruoli di alto livello all’interno di diversi settori dei viaggi e del turismo.

 

image_pdfimage_print

Ultimi articoli