20.9 C
Napoli
venerdì, 7 Ottobre 2022

Guerra in Ucraina, Russia abbandona i corpi dei soldati sul campo

Da non perdere

Anna Borriello
Scrivo per confrontarmi col mondo senza ipocrisie e per riflettere sul rapporto irriducibile che ci lega ad esso.

Guerra in Ucraina: la Russia abbandona i corpi dei suoi soldati morti per non dover risarcire le famiglie. Lo ha detto in un’intervista a The Irish Times, il portavoce del ministero degli Esteri di Kiev, Oleg Nikolenko.

Non prelevano i cadaveri dal campo di battaglia – spiega – perché, secondo la loro legislazione, la famiglia di ogni soldato morto riceve sette milioni di rubli russi mentre se il soldato è scomparso nessun corpo significa niente soldi“.

Intanto le forze armate ucraine “hanno stabilito una testa di ponte a sud del fiume Ingulets, che forma il confine settentrionale della regione di Kherson occupata dai russi” e l’Ucraina “ha utilizzato la sua nuova artiglieria a lungo raggio per danneggiare almeno tre dei ponti sul fiume Dnipro su cui la Russia fa affidamento per rifornire le aree sotto il suo controllo”, scrive il ministero della Difesa britannico nel suo nuovo aggiornamento di intelligence.

Uno di questi, il ponte Antonivskiy lungo 1.000 metri vicino alla città di Kherson, è stato danneggiato la scorsa settimana. L’Ucraina l’ha colpito di nuovo il 27 luglio 2022 ed è molto probabile che il valico sia ora inagibile – spiega – La 49esima armata russa è di stanza sulla sponda occidentale del fiume Dnipro e ora sembra altamente vulnerabile”.

“Allo stesso modo, la città di Kherson, il centro abitato più politicamente significativo occupato dalla Russia, è ora praticamente tagliata fuori dagli altri territori occupati. La sua perdita minerebbe gravemente i tentativi della Russia di dipingere l’occupazione come un successo“, conclude il ministero.

La Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti ha dichiarato che oltre 75.000 russi sono stati uccisi o feriti durante la guerra in Ucraina, aggiungendo che l’esercito russo è affaticato, ma che gli ucraini sono alla ricerca di ulteriori rinforzi, poiché intendono lanciare una controffensiva nel sud prima dell’inverno.

Siamo stati informati che più di 75.000 russi sono stati uccisi o feriti, un numero enorme, e oltre l’80% delle loro forze di terra sono impantanate“, ha spiegato alla Cnn Elissa Slotkin, membro del Comitato per i servizi armati della Camera Usa che recentemente ha fatto visita in Ucraina.

Penso che quello che abbiamo sentito con grande forza dal presidente ucraino Volodimir Zelensky è che gli ucraini vogliono davvero prendere a pugni la Russia un paio di volte prima che arrivi l’inverno, soprattutto colpendoli nel sud“, ha detto Slotkin, aggiungendo che esiste l’intenzione bipartisan per l’invio di missili a lungo raggio Atacms all’Ucraina, che possono colpire fino a 280 chilometri.

Riguardo questi missili, il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan ha ribadito, la scorsa settimana all’Aspen Security Forum, che gli Stati Uniti non avrebbero fornito gli Atacms perché potrebbero essere utilizzati per colpire in profondità il territorio russo, aggravando ulteriormente la guerra.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli