mercoledì 29 Maggio, 2024
24.3 C
Napoli

Articoli Recenti

spot_img

Gli italiani lavorano troppo: più di 50 ore a settimana

Gli italiani lavorano troppo: due milioni di lavoratori nel Belpaese fanno più di 50 ore settimanali.

L’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro, ma stando a dati dell’Eurostat, aggiornati al 2022, nel Belpaese si lavora anche troppo.

Circa due milioni di lavoratori restano in ufficio per 50 ore a settimana, contro le canoniche 40 ore (8 ore al giorno per 5 giorni).

Si tratta del 9,4% dei lavoratori totali (circa 23 milioni) e il fenomeno in Europa riguarda molto di più gli autonomi (30%) che gli impiegati (4%).

Il dato tricolore è tra i più alti d’Europa: ci superano i francesi con il 10,2 %.

Ma il top si raggiunge in Grecia: 12,6%. Gli irlandesi si affiancano con il 9,1%, i portoghesi sono come noi al 9,4%.

In Romania il dato precipita al 2,2% e in Bulgaria allo 0,7%.

Settimana corta: cosa succede in Italia 

In queste settimane è tornato alla ribalta il tema della settimana corta per gli italiani.

“Lavorare meno, lavorare tutti”: era uno slogan di moda sul finire degli anni sessanta.

Sono passati più di cinquant’anni da quel sogno. Oggi si torna a parlarne: ma stare al lavoro solo quattro giorni a settimana, con lo stesso stipendio è un sogno per molti.

Forse per quasi tutti i lavoratori. Ed una realtà per pochi, troppo pochi.

In Italia, fino ad oggi, sono solo due i gruppi (Lavazza ed Intesa Sanpaolo) che stanno sperimentando nuove soluzioni lavorative, nate anche a seguito della pandemia.

Nuove strade dettate dalla necessità di una maggiore protezione e di un maggiore risparmio energetico, esigenza trapelata all’indomani dell’aggressione dell’Ucraina da parte della Russia.

Sulla settimana corta per gli italiani, il pressing dei sindacati è forte. Anche le opposizioni fanno sentire la propria voce.

Il Governo ha accennato ad un’apertura sull’argomento, anche se il dibattito, nel corso degli ultimi mesi, si è concentrato un po’ di più sul taglio del cuneo fiscale.

Adolfo Urso, Ministro delle Imprese e del Made in Italy, a febbraio aveva affermato di essere “disposto a riflettere partendo dalla realtà. Tutto va messo in sintonia con una saggia politica industriale con l’obiettivo di aumentare produttività e occupazione“.

Un’apertura era arrivata anche da Confindustria, il cui presidente, Carlo Bonomi, ha affermato che “siamo dispostissimi a sederci e a ragionare, ma non in maniera ideologica, o vanno in crisi l’occupabilità e l’occupazione in Italia”.

I tempi sono maturi per parlarne: a beneficiarne sarebbero principalmente quei due milioni di persone che, in Italia, sul posto di lavoro ci rimangono di più.

 

Dora Caccavale
Dora Caccavale
Nata a Napoli (classe 1992). Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Autrice del libro "Lettere di Mattia Preti a Don Antonio Ruffo Principe della Scaletta" AliRibelli Editore. Organizzatrice di mostre ed eventi artistici e culturali. La formazione rispecchia il suo amore per l'arte in tutte le sue forme. Oltre alla storia dell'arte ha infatti studiato, fin da bambina, danza e teatro. Attualmente scrive per la testata XXI Secolo.