martedì 05 Marzo, 2024
10.2 C
Napoli
spot_img

Articoli Recenti

spot_img

29 novembre 1975: compare per la prima volta il nome Microsoft

Microsoft ha segnato il mondo informatico con la sua storia e i suoi progetti, è una storia legata ai suoi due co-fondatori, William Henry “Bill” Gates III e Paul Gardner Allen. Il nome Microsoft compare per la prima volta in una lettera del 29 novembre 1975 che Gates scrive ad Allen: il nome composto da “Micro” per “MICROcomputer” e “Soft” per “SOFTware” rappresentava bene la loro visione. L’azienda tuttavia viene registrata ufficialmente come Microsoft solo un anno dopo, il 26 novembre 1976, quando Allen rassegna le dimissioni dalla MITS. Un’azienda precedente (del 1973 per la precisione) creata sempre da Allen e Gates fu la Traff-o-Data per l’analisi dei dati sul traffico urbano.

Microsoft dunque decide di implementare il linguaggio Basic per poterlo vendere ad altri distributori come General Electric, Citibank e NCR: vengono così estese le funzionalità del personal computer a quelle che sono le esigenze scientifiche e gestionali. Tuttavia la MITS ne ostacola la vendita e fa di tutto per impedirne la distribuzione, motivo per il quale ci fu una battaglia legale che vide la Microsoft vincitrice. L’azienda infatti ottenne così la libertà di vendere autonomamente il prodotto. La crescita in quegli anni fu tale che Microsoft aprì un primo ufficio internazionale in Giappone, denominato ASCII Microsoft, in seguito denominato Microsoft Giappone.

Da allora Microsoft ha fatto passi da gigante, commercializzando numerosi prodotti: dai sistemi operativi come Windows o Windows Phone alle applicazioni per l’ufficio (basti pensare al pacchetto Microsoft Office) fino ad arrivare alle applicazioni per lo sviluppo. Molto importanti per Microsoft sono anche il settore videoludico (Xbox e le successive generazioni, nonché i giochi come Halo e Age of Empires) e quello hardware (Zune, Surface Pro e il nuovo visore HoloLens). Insomma un vero e proprio colosso che tutti nel mondo conoscono, il cui primo passo fu proprio quella lettera del 29 novembre.