4shared
15.2 C
Napoli
martedì, 18 Gennaio 2022

WhatsApp, in arrivo attesissima novità

Da non perdere

Antonio Luca Russohttps://www.21secolo.news
Studente di Giurisprudenza presso l’Università “Federico II” di Napoli, fin da piccolo appassionato di attualità, scienze, polita ed esteri. Tra un manuale di diritto e l’altro, adora espandere i propri orizzonti con viaggi e letture. Crede fermamente nei princìpi espressi nella nostra Costituzione e nel ruolo fondamentale della Giustizia nella nostra società.

WhatsApp, la celebre applicazione di messaggistica istantanea multi-piattaforma per smartphone, è senza dubbio una delle app più famose e utili di sempre. Il suo arrivo sul mercato nel 2009 ha rivoluzionato per sempre il modo di comunicare, grazie alla possibilità di inviare messaggi ai nostri contatti gratuitamente (eccezion fatta per il costo annuale di abbonamento pari a 0,89euro) sfruttando la connessione ad internet dei nostri onnipresenti device. Nel 2015 è però previsto l’arrivo di un’attesissima novità, largamente richiesta dagli utenti. Stiamo parlando delle telefonate vocali tramite WhatsApp.

Sia ben chiaro, non si tratta di una rivoluzione, dato che app rivali come Viber, WeChat, Lice, ecc. offrono tale feature già da alcuni anni. Tuttavia, tali applicativi non hanno ancora raggiunto il tasso di diffusione sugli smartphone che WhatsApp è riuscito a ottenere negli anni. Questo spiega dunque come mai questa funzione sia tanto attesa. Le chiamate vocali erano attese già nel 2014, ma Jan Koum, CEO di WhatsApp, ha recentemente ammesso la causa dei continui ritardi è prevalentemente da attribuire a problemi tecnici (controllo del microfono, utilizzo delle reti EDGE e/o 3G, ecc.).

Resta ora da vedere se questa novità in arrivo nel 2015 non cannibalizzerà l’app rivale, Facebook Messenger. Le due app, infatti, appartengono entrambe al social network di Mark Zuckerberg. Quanto tempo impiegherà dunque WhatsApp per pestare i piedi alla rivale?

image_pdfimage_print
Articolo precedenteSpaghetti sciuè sciuè
Prossimo articoloLa notte della danza 2014

Ultimi articoli