Warnock verso la vittoria: primo senatore afroamericano I democratici verso il controllo del Senato. Raphael Warnock vince il primo di due ballottaggi in Georgia

Warnock

Il democratico Raphael Warnock vince uno su due dei ballottaggi in Georgia, andando a superare con il 50,5%  la senatrice uscente Kelly Loeffler.

Una vera e propria riconquista dello Stato del sud, iniziata da Joe Biden a distanza di quasi 30 anni da Bill Clinton.

Il reverendo Warnock si dice: “Onorato dalla fiducia che hai dimostrato in me, andrò al Senato a lavorare per tutti i georgiani.

Con il 50,5% su il 49,5%, il testa a testa tra Warnock e Loeffler è uno dei due ballottaggi nello Stato della Georgia che determinano il controllo del Senato degli Stati Uniti.

L’altro ballottaggio, invece, è tra il dem Jon Ossoff,  attualmente in testa con  il 50,1%, contro il 49,9% del senatrice uscente David Perdue.

I restanti voti da scrutinare, invece, appartengono a contee a maggioranza democratica, rendendo così possibile la doppietta dem.

Paradossalmente, il primo network a proiettare vincitore Warnock  è stato Newsmax, tv via cavo conservatrice promossa proprio da Donald Trump contro Fox News.

Lo stesso reverendo ha poi, successivamente, tenuto un discorso della vittoria.

Warnock, ha ricordato come sua madre, cresciuta raccogliendo tabacco e cotone durante le estati, è stata in grado di votare per lui: “Le mani di 82 anni che ha usato per raccogliere cotone per altri sono andate al seggio e hanno scelto il figlio più giovane per essere senatore degli Stati Uniti.

Se il risultato tra Warnock e Loeffler dovesse essere confermato, portando quindi il primo ad una vittoria certa, il reverendo diverrebbe il primo senatore afroamericano dell’ex Stato schiavista.

Un risultato che entrerebbe a far parte della storia americana. Una rivincita, una conquista.

Nelle prossimo ore, inoltre, saranno resi noti i risultati del secondo ballottaggio, dove il 33enne Ossoff potrebbe diventare il più giovane senatore dal 1973, ovviamente dopo il primato proprio di Biden.

Una giornata questa che risulterebbe cruciale anche per Trump, con il Congresso che sta per riunirsi per certificare la vittoria di Biden.

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

more recommended stories