17.1 C
Napoli
domenica, 2 Ottobre 2022

Le vittorie italiane: Federica e Tania

Da non perdere

Daniela Leone
Responsabile Area Eventi.

Si sono chiusi a Berlino i 32° Campionati europei di nuoto, tuffi, nuoto sincronizzato e nuoto in acque libere con ottimi risultati per l’Italia, in tutte le specialità, conquistando la bellezza di 23 medaglie. Si è iniziato nel fondo con tre medaglie: medaglie d’oro con Martina Grimaldi, la padrona della 25 chilometri, e con due bronzi di Aurora Ponselè nella 10 chilometri e Edoardo Stochino nella maratona dei 25 km. E’ arrivato anche un Bronzo nel sincronizzato a squadra.

Nelle gare in vascaaltri successi con Gregorio Paltrinieri che ha vinto due medaglie d’oro nei 1500 battendo anche il primato europeo e negli 800. Terzo in entrambe le gare e medaglia di bronzo per l’altro italiano Gabriele Detti, mentre altri bronzi sono arrivati da Luca Leonardi, Ilaria Bianchi, Arianna Castiglione e Federico Turrini oltre all’oro nella nuova staffetta mista 4×100 stile libero. Nei tuffi dalla piattaforma da 10 metri Noemi Batki ha conquistato la medaglia d’argento.

Tania Cagnotto
Tania Cagnotto

Ma per l’Italia le vere e attese protagoniste di questo europeo sono state Tania Cagnotto e Federica Pellegrini. La tuffatrice ha vinto tre medaglie, due d’oro una dal trampolino da un metro e l’altra con sincrono da tre metri con la sua amica Francesca Dallapè, e nell’ultima giornata ha conquistato un argento nel trampolino da 3 metri. Nessun atleta ha mai vinto tante medaglie quanto la Cagnotto: ben 14 ori, 4 argenti e 4 bronzi.

Federica Pellegrini, dopo aver portato all’oro la staffetta 4×200 con una rimonta che ha del fantascientifico recuperando sull’atleta della Danimarca nell’ultima vasca ben 4 secondi, sale sul podio anche nei 200 stile libero, la sua gara da sempre. E’ la prima atleta a vincere per tre titoli europei di seguito, partecipando inoltre anche ai 400 stili, gara da lei sempre ostica e sfiorando il podio.

Bisogna dire che lo sport italiano in questi mesi estivi è donna, oltre alle due atlete citate nel nuoto ci sono state altre vittorie in altre discipline.

Libania Grenot
Libania Grenot

Agli europei di atletica svolte in Svizzera due settimane fa, l’Italia ha conquistato solo tre medaglie: oro di Daniele Meucci nella maratona, mentre nella stessa disciplina al femminile Valeria Straneo ha conquistato un sorprendente argento. E’ salita sul podio nei 400 metri piani anche Libania Grenot, l’italiana di origini cubane che ha corso in 51″10.

Nel mondiale di scherma che si è svolta a Kazan in Russia, dal 15 al 23 luglio 2014, la nostra nazionale ha visto un vero e proprio trionfo nel fioretto con ben tre atlete sul podio: medaglia d’oro per Arianna Errigo, argento per Martina Batini e bronzo per la sempre giovane Valentina Vezzali, che si sono ripetute insieme ad Elisa Di Francisca nel fioretto a quadra vincendo l’oro. Oro anche per la spada con Rossella Fiamingo, medaglia che in questa specialità mancava da ormai troppi anni.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli