17.1 C
Napoli
domenica, 2 Ottobre 2022

Vele di Scampia: lunedì 13 maggio inizio abbattimento

Scampia: lunedì, 13 maggio, via ai lavori di abbattimento delle vele.

Da non perdere

Una delle zone più tipiche della periferia di Napoli è sicuramente il quartiere di Scampia, “famoso” per essere stato, in passato, luogo di numerose vicende di inciviltà, atti di illegalità della malavita napoletana. Proprio la malavita è rappresentata dalle tipiche costruzioni che regnano nella zona, le Vele, che, a breve, saranno demolite.

Il progetto di abbattimento, chiamato “Restart Scampia”, ha l’obiettivo di dare un taglio al passato e di restituire una nuova immagine, pulita, del quartiere di Scampia.

Le Vele di Scampia sono definite “vele” proprio per la loro conformazione, particolari per la loro struttura architettonica, simili a grosse vele di un’imbarcazione.

Tipiche e singolari, sono, purtroppo, al tempo stesso, il simbolo dell’illegalità che si è espansa nei tempi passati, essendo state luogo di spaccio per eccellenza. Ecco, hanno ancora vita breve, in quanto lunedì 13 maggio 2019, si dovrebbe iniziare con la demolizione e abbattimento di una delle vele, la vela verde, la cui demolizione dovrà avvenire nell’arco di 180 giorni, per poi passare all’abbattimento delle altre due. Mentre, l’ultima vela, dovrebbe essere riqualificata come  nuovo centro di aggregazione.

Questo importante ed atteso punto di svolta è stato celebrato dal Comitato Vele di Scampia, che ha esposto, sulla facciata della Vela Azzurra, un lungo striscione, su cui si legge la scritta “Ha vinto la lotta, adios”, in segno di festeggiamento, dopo anni di lotta e di richiamo di giustizia e di riscatto, per il quartiere e per i residenti.

A questi ultimi, infatti, sono stati assegnati vari alloggi popolari, per garantire una nuova sistemazione.

La demolizione delle vele consiste in una vera e propria svolta, un volta pagina, che dovrebbe chiudere le porte che collegano al passato e rappresentare un nuovo punto di inizio, sia per riqualificare l’immagine del quartiere e, soprattutto, per dare un giusto riscatto ai residenti.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli