8.8 C
Napoli
lunedì, 30 Gennaio 2023

Variante inglese, tampone e quarantena per arrivi da UK

Da non perdere

Eva Maria Pepe
Laureata in Lettere classiche, ama l'arte, la letteratura, i viaggi. Il suo più grande sogno è diventare scrittrice.

L’incubo Covid-19 sembra non voler finire. Proprio alle soglie delle feste natalizie, una nuova variante del virus inizia a spaventare il mondo intero. La variante spaventa in particolare il Regno Unito, dove sembra essersi diffusa di più. Secondo gli scienziati il virus avrebbe già subito oltre 12mila mutazioni genetiche. Questa variante, diffusa soprattutto nell’Est dell”Inghilterra, sembrerebbe essere più aggressiva in termini di trasmissibilità (circa il 70% in più) ma non più letale.  Ma questa variante sembra essere già arrivata in Campania.

Tampone e quarantena per i passeggeri provenienti dal Regno Unito

Bisogna allora intervenire tempestivamente. Ecco perchè la Regione Campania ha disposto l’obbligo del tampone e della quarantena per tutti i passeggeri provenienti dal Regno Unito che da oggi giungeranno all’aeroporto di Capodichino.  Il dottor Antonio Prudente dell’ufficio USMAF Campania (Ufficio di sanità marittima aerea e di frontiera) cordinerà le operazioni. Il passeggero proveniente dal Regno Unito dovrà effettuare il tampone già prima della partenza. All’arrivo presso lo scalo partenopeo troverà una squadra di operatori sanitari delle Asl campane, dell’Istituto Zooprofilattico e della Protezione Civile. Lo staff provvederà ad identificare e segnalare i passeggeri alle Asl di appartenenza per la quarantena obbligatoria di 14 giorni.

La variante inglese in Campania

L’operazione è fondamentale poichè già nei giorni scorsi, prima del blocco dei voli, sei persone atterrate da Londra su Napoli erano positive alla variante inglese del Covid-19. A scoprirlo i ricercatori del gruppo di sequenziamento genomico coordinato da Davide Cacchiarelli presso l’istituto Telethon di Genetica e Medicina di Pozzuoli, il Tigem. I ricercatori hanno determinato la sequenza genomica completa  in 115 tamponi positivi eseguiti negli ultimi mesi in Campania dall’Istituto Zooprofilattico. I ricercatori hanno identificato nei tamponi analizzati ben otto diverse varianti, tutte appartenenti al “tipo B”, largamente diffuse in Europa. Lo studio, i cui risultati sono stati depositati in Gisaid (il database di riferimento mondiale per le sequenze dei genomi virali), fornisce quindi una prima mappa delle varianti Sars-CoV-2 presenti in Campania.

Le parole di Vincenzo De Luca

Il governatore della regione Vincenzo De Luca ha detto:”L’individuazione dei sei casi positivi è successiva all’ordinanza della Regione con la quale si sono bloccati i voli provenienti dal Regno Unito immediatamente dopo la notizia della scoperta della nuova variante. Proseguirà nei prossimi giorni un lavoro attento di controllo e di filtro rispetto agli arrivi e sulla evoluzione dell’epidemia, per garantire al massimo le condizioni di sicurezza.”

image_pdfimage_print

Ultimi articoli