Varese: Emergenza coronavirus e sciacallaggio Ad approfittare di questa situazione sono soprattutto i malviventi che prendono di mira le persone anziane

Coronavirus
Coronavirus

L’emergenza Coronavirus che ha colpito il nostro Paese e in particolar modo al settentrione sta provocando numerosi problemi alla collettività. Ad approfittare di questa situazione sono soprattutto i malviventi, che attraverso truffe o atti di sciacallaggio compiono azioni vili. Dopo i finti addetti Enel, addetti dell’acqua ecc… i truffatori, sembrano aver trovato un nuovo escamotage per conquistare le vittime e truffare gli anziani.

Essi, facendo leva sul caos provocato dal diffondersi della pandemia, s’introducono nelle case delle persone più fragili per rubarne i beni. I malviventi, si fingono medici, infermieri e membri della Croce Rossa, consigliando controlli preventivi. In molti casi, sembrano essere addirittura organizzati per eseguire tamponi porta a porta. La povera vittima, ignara di tutto e sentendo parlare di coronavirus, si agita e li lascia entrare.
Tempestivo è arrivato a questo proposito l’appello dei Comuni dell’hinterland varesino: «S’informa la cittadinanza che non è stata emanata alcuna attività porta a porta per effettuare i test con l’ausilio del tampone orale per la rilevazione di eventuale contagio di Corona Virus Covid-19» .

Importante tenere a mente che nessun ente si reca o invia personale a domicilio, senza che ne sia stata fatta esplicita richiesta. Diffondete la notizia e nel caso doveste trovarvi nelle suddette situazioni avvisate immediatamente le Forze dell’Ordine.

Print Friendly, PDF & Email

Ambiziosa, testarda e determinata. Nata a Napoli e residente a Gallarate. Ho conseguito la Laurea Magistrale in Filologia Moderna presso l'Università degli Studi di Napoli "Federico II", presentando una tesi dal titolo: "Tendenze Linguistiche del Giornalismo dalla carta al web". Iscritta dal Novembre 2016 all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti della Campania e diplomata nel Giugno 2013 in danza classica e moderna. Sono fortemente convinta che fare il giornalista non sia una professione, bensì una vocazione!

more recommended stories