USA: un parco Disneyland diventa un centro per il vaccino Il parco Disneyland di Anaheim, nello stato della California, diventa un centro per la distribuzione del vaccino contro il Coronavirus. Intanto in Cina, Langfang è la terza città in lockdown nella provincia di Hebei

Sono quasi 91 milioni i contagiati dal Covid-19 nel mondo. Un numero che fa riflettere, e che riporta all’enorme impatto generato dalla pandemia. Gli USA sono il primo paese per numero di infezioni, con più di 22 milioni. Secondo i dati della John Hopkins University i casi di Coronavirus registrati in data odierna in America, sono stati 204.652 con 1.731 morti. Si riconferma, per il settimo giorno consecutivo, che il dato dei nuovi contagi supera i 200mila ogni 24 ore.

Il parco Disneyland ad Anaheim diventa un centro per il vaccino

Per fronteggiare la situazione il parco Disneyland ad Anaheim, nello stato della California, diventa un centro per la distribuzione del vaccino contro il Coronavirus. A questo proposito Andrew Do, il supervisore della Contea di Orange, ha dichiarato: “Disneyland Resort, che è il più grande datore di lavoro della Contea, si è proposto di ospitare il primo grande centro di vaccinazione della contea, iniziando così un lavoro enorme per la distribuzione dei vaccini. Il parco sarà quindi uno dei cinque centri per la distribuzione dei vaccini della contea, tramite i quali si potranno vaccinare migliaia di cittadini al giorno”. Molto probabilmente le vaccinazioni a Disneyland cominceranno questa settimana.

Usa: necessario il test negativo per entrare nel paese

Intanto a breve sarà applicato un nuovo provvedimento: il governo degli Stati Uniti d’America, richiederà a tutti i passeggeri di compagnie aeree internazionali di esibire il risultato del loro test, con esito negativo, prima della partenza. A diffondere la notizia è il Centers for Disease and Control Prevention, che ha annunciato che la nuova disposizione entrerà in vigore dal 26 gennaio.

Cina: Langfang diventa la terza città in lockdown nella provincia di Hebei

Langfang è entrata in lockdown, diventando la terza città a essere bloccata a causa di un focolaio di Coronavirus nella provincia cinese di Hebei, dopo il capoluogo Shijiazhuang e Xingtai, con più di 22 milioni di abitanti totali. Langfang dista mezz’ora in auto da Pechino e comprende una popolazione di circa 5 milioni di persone. Veicoli e abitanti delle tre città hanno il divieto di uscire, se non per comprovati motivi. La provincia di Hebei ha riscontrato circa 326 casi di Covid-19 ad oggi nell’ambito del nuovo focolaio, dei quali più 234 sono risultati asintomatici.

Una situazione difficile, sulla quale si sta intervenendo con tutti i mezzi a disposizione.

Print Friendly, PDF & Email

more recommended stories