17.1 C
Napoli
domenica, 2 Ottobre 2022

Usa, blitz nei supermercati contro immigrati illegali

Forte segnale da parte del presidente americano Donald Trump contro l'immigrazione irregolare. In manette 21 clandestini, accusate anche le aziende coinvolte

Da non perdere

Oltre agli immigrati irregolari, bersaglio della polizia statunitense saranno anche i datori di lavoro che li assumono: ventuno gli arresti, da Los Angeles a New York, che all’alba di stamattina hanno coinvolto i supermercati della catena 7-Eleven, sparsi sul territorio Usa. Un avvertimento dell’amministrazione Trump a tutti coloro che, in un modo o nell’altro, hanno a che vedere con l’immigrazione clandestina.

Si apre così un ulteriore fronte nel giro di vite del presidente contro l’immigrazione illegale, che ha già portato ad un aumento del 40% negli arresti.

“L’operazione di oggi – ha dichiarato il capo del corpo speciale Immigration and Customs Enforcement (Ice) Thomas Homan – lancia un messaggio forte a quelle aziende americane che assumono e impiegano manodopera illegale. Faremo rispettare la legge, e chi viene trovato in infrazione ne pagherà le conseguenze”.

La 7-Eleven, con più di 60.000 negozi nel mondo intero (dall’Inghilterra alla Cina), in un comunicato ha sottolineato che opera col sistema del franchising per cui ogni supermercato ha “un proprietario-manager, un imprenditore indipendente, che è l’unico responsabile della sua manodopera, ivi compreso per i controlli sullo status di residenza e permesso di lavoro”.

Intanto, il presidente Trump si è dichiarato disponibile a concedere qualcosa sui cosiddetti “Dreamers” (letteralmente: sognatori), cioè quei giovani immigrati venuti in America da bambini e cresciuti qui ma ancora sprovvisti di un regolare permesso di residenza.

Il percorso speciale verso la regolarizzazione che Barack Obama aveva concesso a costoro, era stato cancellato dall’attuale capo della Casa Bianca, ma un giudice federale ha accolto un ricorso sospendendo la decisione di Trump, che a sua volta rilancia: ci saranno agevolazioni sui Dreamers se i democratici autorizzano il finanziamento della costruzione del Muro al confine col Messico.

Il blitz di polizia nei 7-Eleven è un messaggio chiaro anche per la sinistra, contro l’accusa spesso rivolta ai repubblicani di prendere in considerazione solo gli immigrati ma non chi li assume per un proprio tornaconto.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli