27.8 C
Napoli
venerdì, 19 Agosto 2022

Uomo e galantuomo al Teatro Paradiso

Da non perdere

La seconda serata del Cartellone di Teatro Emergente  del teatro G. Paradiso ha visto in scena la compagnia “Artisti per caso” diretta da Dario Carrino. Il lavoro scelto è uno dei capisaldi della produzione drammaturgica di E. De Filippo, ” Uomo e galantuomo”. La storia si svolge in una pensione balneare e narra le vicissitudini di una compagnia di guitti capitanati da Gennaro, uomo semplice ed ingenuo che viene convocato, con deludenti risultati, dal direttore Alberto De Stefano (Gennaro Maria Nocera) per allietare i villeggianti. Durante un diverbio tra familiari, Gennaro rimane colpito da una pentola di acqua bollente sui piedi. Si ritrova così, in casa di un dottore, il conte Tolentano ( Gianni Autore) dove incontra il già citato Alberto lì convenuto per chiedere la mano della sua amante, ignaro che si tratti della moglie del conte. Una serie di equivoci non permetteranno altra scelta al povero Alberto che fingersi pazzo, e metteranno Gennaro nella scomoda posizione di scegliere tra salvare l’amico dal manicomio o rovinare la reputazione della contessa. Un provvidenziale rinvenimento di lettere amorose indirizzate dal conte ad una sua amante, permetterà ad Alberto di ritrovare la sua libertà e a Gennaro che, nel frattempo ha perso l’ingaggio, di ritornare alla sua miserabile ma dignitosa condizione.

La commedia offre molti spunti comici che la compagnia non ha mancato di sottolineare sollecitando, così, più di un applauso a scena aperta e l’ilarità della platea. Il bravo Lino Manna, ha saputo rendere a pieno il dolce candore che caratterizza il personaggio Gennaro anche se bisogna riconoscere a tutta la compagnia il merito di aver reso gradita al pubblico una operazione, quella di interpretare un lavoro di Eduardo, che non sempre è accettata di buon grado dagli amanti del genere. Via, via che i tre atti  portavano a compimento la narrazione delle peripezie degli sventurati personaggi, il pubblico seguiva con crescente attenzione. Una prova sicuramente superata con sufficienza piena e  premiata da fragorosi applausi.

image_pdfimage_print

Ultimi articoli