24.3 C
Napoli
venerdì, 27 Maggio 2022

Uno spettacolo per Ruccello e Tosi

Da non perdere

Alessandro Bottone
Collaboratore XXI Secolo.
Dopo il debutto al Nuovo Teatro Nuovo di Napoli, in occasione dei 25 anni dalla morte di Annibale Ruccello e Stefano Tosi in un incidente stradale, torna, il 16 gennaio, al Teatro cerca Casa (ore 20.30 in un appartamento di Portici) lo spettacolo-confessione di Cristina Donadio …da questo tempo e da questo luogo… 25 rose dopo con Cristina Donadio e Luca Trezza, per la regia di Cristina Donadio.
L’evento tragico avvenuto ormai 28 anni fa, che ha colpito al cuore il mondo del teatro napoletano, la morte prematura del drammaturgo Annibale Ruccello e dell’attore Stefano Tosi sull’autostrada del Sole, diventa racconto scenico attraverso una costruzione drammaturgica che si configura come scavo interiore nel flusso dei ricordi, un flusso lungo 25 anni, che da confessione privata si allarga alla memoria collettiva grazie al teatro, dove la condivisione di un lutto pubblico e privato si ricongiungono in un abbraccio di pacificazione. E a questo proposito, la Donadio spiega: “Non pensavo che sarebbe stato tanto difficile mettere in scena se stessi… Quando ho cominciato a lavorare a questo spettacolo dedicato ad Annibale Ruccello e Stefano Tosi a 25 anni dalla loro scomparsa, non ho avuto dubbi: quello che volevo era incontrarli di nuovo, per una sera, in un teatro, o per meglio dire, su di un palco, luogo familiare a tutti e tre, dunque dovevo creare il pretesto perché ciò potesse accadere…”.
L’attrice e regista mette insieme pezzi della sua vita intima: il dolore personale per la perdita del marito Stefano si mescola al rancore verso chi ne ha offuscato la morte, verso quel drammaturgo, amico, insieme al quale tanto avevano condiviso entrambi, verso la “morte di quell’artista” di cui tutti parlavano e di cui ancora oggi si parla.
Lo spettacolo ritorna nella cornice degli appartamenti del circuito Il Teatro cerca Casa, dove l’intimità dei palcoscenici domestici favorisce l’incontro tra confessione e messinscena: …da questo tempo e da questo luogo… 25 rose dopo è un omaggio fatto da una grande attrice ad un grande drammaturgo, attraverso il filo narrativo di una confessione privata, di quelle che spesso si fanno solo a se stessi dietro il chiuso della porta di casa. Cristina e Annibale si incontreranno di nuovo grazie al teatro, per un nuovo saluto, per una pace procrastinata da tempo, in un abbraccio carico di amore per la scena e non solo.
image_pdfimage_print
Articolo precedente‘O Munaciello
Prossimo articoloCalciomercato: le trattative aggiornate

Ultimi articoli