Un magnifico dolce amalfitano: torta ricotta e pere Fra i vanti della cucina campana, ritroviamo un dessert consumato principalmente nella costiera amalfitana: torta ricotta e pere

_21secolo_TeresaGiordano

Il capolavoro gastronomico della cucina amalfitana è noto ai campani sotto la dicitura di “torta ricotta e pere”.

Stiamo parlando di un dessert dal gusto raffinato, capace di inebriare anche i palati più sofisticati.

La storia della torta

Concepito dalla mente del pasticciere Sal De Riso, il dessert è un delicato intreccio di pere di Agerola, ricotta di Tramonti e le nocciole di Giffoni.

Nel 1998, Salvatore De Riso decise di mettere nuovamente alla prova la sua creatività, divenendo l’autore di uno squisito dolce, destinato a diventare popolare in tutta la penisola.

In breve, tutta Italia provò a replicare il gustoso piatto, tanto che sono nate diverse versioni e varianti dello stesso.

La leggenda

Questo fantastico dessert, sebbene sia stato attribuito al genio culinario di De Riso, in realtà, sarebbe presente nelle pasticcerie napoletane sin dal Medioevo.

La storia reale corrisponderebbe, dunque, a tali accadimenti: un cuoco un po’ sbadato della corte amalfitana avrebbe fatto cadere, accidentalmente, dei pezzetti di pera nella ricotta.

La magnifica combinazione sarebbe dunque il frutto di un incidente e della distrazione di un addetto ai lavori di una corte medievale.

La ricetta

Per realizzare una solida base, occorre, innanzitutto, sciogliere 75 grammi di burro a fuoco dolce e farlo intiepidire.

In seguito, basterà versare le uova, la vaniglia e lo zucchero in una planetaria, per poi lavorare il composto con le fruste e montare, per una decina di minuti, a velocità moderata.

Infine, servirà amalgamare la farina di nocciole Giffoni al miscuglio, versare le due polveri in due volte, mescolando il tutto con una spatola e unirvi il burro fuso (a temperatura ambiente).

Una volta che avrete lavorato il composto dal basso verso l’alto, si dovrà versarlo, per mezzo di una sac à poche con bocchetta liscia, nella pentola.

Preriscaldare il forno a 205 gradi, in modalità statica, imburrare e infarinare in due stampi da 22 cm di diametro.

Per ottenere due belle basi, bisognerà lavorare gli impasti sul fondo, partendo dal centro, con un movimento a spirale.

In seguito, sarà necessario sbucciare e tagliare le pere, lasciarle riposare e cuocere in una padella a parte e condirle a dovere.

Si passerà, quindi alla lavorazione della crema di ricotta, prima di unire il tutto per decorare la torta.

Buon appetito!

 

 

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

more recommended stories