Un capitello spiaggiato: insolito ritrovamento

Ritrovato sulla spiaggia di Sperlonga un antichissimo capitello romano

Capitello romano-Sperlonga 2018_ XXI secolo_ Casale Mariagrazia
Capitello romano-Sperlonga 2018

Risalente a giovedì, l’importante scoperta archeologica riguardante il rinvenimento di un antico capitello romano, sulla spiaggia di Levante a Sperlonga, nei pressi della Grotta di Tiberio. Si tratterebbe, secondo le prime informazioni, di un capitello di origine ellenica e di epoca imperiale, di una rara fattura, risalente al 40 a.C., largo circa un metro, che potrebbe appartenere al porticato della stessa Villa di Tiberio, poco distante dal luogo.

Un ritrovamento avvenuto in modo insolito, poichè non c’erano scavi o lavori in atto. Infatti un uomo del posto, Francesco Rendinaro, che solitamente si reca a pescare lì, si è accorto del reperto che emergeva dalla sabbia, smossa dalle recenti e forti mareggiate, considerato il maltempo della scorsa settimana. Iniziando a scavare con le mani, per capire di cosa si trattasse, ha poi allertato le autorità competenti.

Le autorità del Comune di Sperlonga, i Carabinieri e i vertici del Museo archeologico, ieri mattina hanno proceduto al recupero del reperto, che è sembrato essere in un ottimo stato di conservazione. I lavori di scavo sono stati presieduti dal responsabile territoriale Francesco di Mario, archeologo della Sopraintendenza ai beni culturali, dall’assessore  Stefano D’Arcangelo, della portavoce del Comune di Sperlonga Irene Chinappi, e del delegato Franco De Fabritiis. In seguito la portavoce Irene Chinappi ha affermato “Riteniamo che l’evento sia importante non solo per il singolo capitello quanto per l’ulteriore testimonianza dell’enorme quantità di reperti romani giacenti nei pressi di quel luogo e della necessità di promuovere scavi subacquei”.

Effettivamente,in passato, quella fu una zona altamente edificata dai romani, ciò non esclude che procedendo con altre operazioni di scavo si possa giungere al ritrovamento di altri reperti meravigliosi, testimoni della splendida architettura romana, come afferma l’assessore comunale D’Arcangelo. I risultati della scoperta saranno poi illustrati il prossimo giovedì in comune.

Il ritrovamento, ha subito infervorato la comunità, infatti la minoranza fa leva sulla scoperta, perchè siano investiti più fondi e affinchè sia viva l’attenzione per un territorio, quello di Sperlonga e tutta l’area circostante che è ricco di arte e che non ha eguali nel rendere idea di ciò che fu la civiltà degli antichi Romani, radici del popolo italiano.

 

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO